Dal 9 all’11 Novembre si terrà a Boston la XIII conferenza del NOVA dal titolo “Wake up Italy!”, organizzata in collaborazione con l’European student clubs at Harvard Business School e la MIT Sloan School of Management. Come recita il sottotitolo dell’evento, gli incontri verteranno attorno alle strategie, le opportunità ed i cambiamenti necessari per rilanciare la crescita dell’Italia; facendo emergere idee e progettualità attraverso il dibattito tra gli studenti delle top business school americane, e i business leader italiani e internazionali.

L’intera conferenza è incentrata sul tema della crescita: sulle strategie che l’Italia deve seguire, e sulle difficoltà che deve affrontare per tornare a crescere nel nuovo contesto globale – ci ha spiegato Stefania Boroli, Coordinatrice del team organizzatore e studentessa MBA Harvard Business School – Abbiamo scelto un titolo provocatorio: Wake up Italy!, perché vogliamo invogliare gli Italiani a mettere da parte per un attimo le critiche politiche e le argomentazioni macroeconomiche dietro a cui ci piace nasconderci, per concentrarci su cosa possiamo fare.”

Tra i protagonisti dei differenti panel, spiccano tra gli altri i nomi di Ferruccio Ferragamo (Gruppo Ferragamo), Giuseppe Lavazza (Lavazza), Francesco Starace (Enel Green Power), Mario Moretti Polegato (Gruppo GEOX) e Bruno Spagnolini (Agusta Westland). Questi e molti altri saranno i protagonisti di un dibattito che per tre giorni porrà l’Italia sotto la lente d’ingrandimento, cogliendone le potenzialità per sfruttare le proprie nicchie d’eccellenza; ma anche per ritrovare le chiavi della competitività e dello spirito imprenditoriale, che negli anni hanno fatto del Paese una delle sette più grandi economie globali.

Una competitività e una crescita che passano anche, o soprattutto, per l’innovazione tecnologica e imprenditoriale tipica del nostro tempo. Ecco perché durante il dibattito domenicale verrà promossa l’iniziativa “Start-up Italia!“, guidata dal Coordinatore della task force del Alessandro Fusacchia: tutti i partecipanti potranno proporre idee ed emendamenti per migliorare i contenuti del Decreto-legge sulle startup innovative (parte del “Dl crescita 2.0″), approvato dal Consiglio dei Ministri ad Ottobre. I suggerimenti dei partecipanti verranno discussi in una tavola rotonda da Alessandro Fusacchia insieme a venture capitalist ed imprenditori, e saranno tenuti in considerazione per la proposta di emendamenti al Decreto-legge che verrà presentato in Parlamento a Dicembre.

Siamo entusiasti dell’opportunità che abbiamo di essere protagonisti di un cambiamento che impatterà direttamente molti di noi – ha commentato Stefania Boroli, che ha aggiunto – Non succede spesso che il Ministero dello Sviluppo Economico chieda a giovani di proporre emendamenti ad un decreto legge appena prima che questo sia approvato dal Parlamento. Cercheremo di fare del nostro meglio per proporre idee pratiche e rilevanti. Molti giovani imprenditori italiani delle comunità di Harvard, MIT ma anche Stanford e Wharton stanno già lavorando per proporre miglioramenti da discutere durante la tavola rotonda di Domenica”.

 

Tags: , , ,