Market & Business

Tablet: si riduce il dominio Apple

iPad-mini

Notizie non proprio positive per . La compagnia vede assottigliarsi la propria leadership nel mercato . Apple, infatti, continua ad essere il maggiore produttore mondiale di , ma registra durante l’ultimo trimestre, una riduzione della propria quota di mercato principalmente grazie ai buoni risultati ottenuti da e .

Il mercato tablet, in ogni caso, cresce complessivamente in modo deciso rispetto allo scorso anno (49.5%) e in misura minore rispetto al precedente trimestre (6.7%). In totale, durante i tre mesi sono stati venduti 27.8 milioni di device.

L’iPad detiene, nel terzo trimestre del 2012 (dati IDC), una quota del mercato tablet pari al 50.4% contro il 59.7% dello stesso periodo dell’anno precedente. Apple perde così una fetta consistente di mercato sia rispetto allo scorso anno (9.3 punti percentuali in meno), sia rispetto al trimestre precedente quando la quota della compagnia era pari al 65.5% (15.1 punti percentuali in meno). La riduzione arriva a fronte di un incremento delle vendite di tutto rispetto (26.1), a causa di risultati ancora migliori ottenuti dalla concorrenza; Samsung in particolare.

La compagnia coreana rappresenta a fine trimestre il 18.4% del mercato, grazie ad una crescita straordinaria (325%) che più che triplica le unità vendute. Samsung aveva venduto, infatti, 1.2 milioni di tablet durante il terzo trimestre del 2011 (6.5% del mercato), mentre quest’anno ne ha venduti 5.1 milioni.

Il parziale riassetto del settore è, inoltre, dovuto in larga parte all’ingresso di Amazon, riuscita ad accaparrassi il 9% del mercato grazie ai 2.5 milioni di Kindle venduti.

A ben vedere, tra i 5 maggiori produttori Apple è quello che registra la crescita minore, ovviamente c’è da tener conto dell’ampia base clienti già detenuta. Nonostante ciò il segnale non è positivo. Asus, anche grazie al Nexus 7, cresce ad un ritmo straordinario (+242.9%) quasi quanto quello di Samsung, e incalza da vicino Amazon (8.6% del mercato). Lenovo cresce a sua volta molto velocemente (+100%), ma con ritmi leggermente minori. La società, inoltre, detiene una quota ancora piuttosto limitata (1.4%) e le vendite sono prevalentemente concentrate nel solo mercato cinese.

La sfida dello shopping natalizio si annuncia quest’anno davvero accesa e centrale per la compagnia che finora ha dominato il settore. Gli Analisti IDC sembrano ritenere che Apple abbia buone carte dalla sua, ma qualche dubbio sussiste soprattutto a causa del prezzo elevato del nuovo iPad Mini. Tom Mainelli, direttore della ricerca nel settore tablet della società di analisi, spiega: “Dopo un secondo trimestre molto positivo, Apple ha registrato una crescita lenta mentre le vendite diminuivano sia nel segmento consumer che commercial (incluso l’education), e le voci di un mini iPad in arrivo cominciavano a scaldarsi. Crediamo che una percentuale considerevole di consumatori interessati ad acquistare un tablet Apple abbiano saltato il terzo trimestre in previsione di un annuncio sul nuovo mini iPad. Ora che il nuovo mini, e una quarta generazione dell’iPad, sono entrambi in vendita ci aspettiamo che Apple registri un trimestre molto positivo. Tuttavia, crediamo che il prezzo relativamente elevato $329 del mini lasci molto spazio ai produttori Android per costruire sul successo che hanno ottenuto nel terzo trimestre.”

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This