ICT & Telco

Telecom Italia: trimestre difficile in Brasile

telecom

attraversa un periodo difficile in , soprattutto a causa di due contenziosi con le autorità del paese. L’autorità brasiliana di vigilanza sulle telecomunicazioni (Anatel) aveva, infatti, vietato a tre dei maggiori operatori del paese, tra cui , la vendita di nuovi contratti di telefonia , in risposta alle crescenti lamentele dei consumatori sulla qualità del servizio e della copertura. Il ricorso di Telecom Italia contro la decisione era stato respinto delle autorità giudiziarie, ma alla fine la società è riuscita a trovare un accordo con le autorità e la vendita di nuovi contratti è stata sbloccata. Tim Brazil ha, inoltre, un contenzioso aperto con il fisco brasiliano che pretende circa 550 milioni di euro tra imposte non pagate, sanzioni e interessi.

Telecom Italia sconta, quindi, nel trimestre un rallentamento su cui pesano questi eventi straordinari (42.1 milioni di reais). La società ha, ad esempio, dovuto accantonare 26.1 milioni di reais per le eventuali disposizioni amministrative dell’authority (periodo 2007-2009).

L’utile netto di Tim Brazil risulta, di conseguenza, sostanzialmente stabile, fermandosi a 318 milioni di reais (+0,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). I ricavi sono cresciuti, al contrario, dell’8% (4.722 milioni di reais) e il margine operativo lordo adjusted del 7.5% (1.244 milioni di reais).

Il dato più positivo riguarda, però, la crescita della base abbonati superiore alla media del mercato (+17.2% vs 13.9%). Tim Brasile raggiunge così una quota di mercato del 26.8%, grazie ai 69.4 milioni di linee attive. La crisi economica si fa sentire. Tim Brasil, oltre a registrare tassi di crescita inferiori rispetto al passato, ha visto crollare il valore delle proprie azioni del 20% negli ultimi tre mesi e del 35% negli ultimi sei.

Il terzo trimestre è stato molto difficile” ammette il neo direttore generale per le attività di Telecom Italia in Sud America, Andrea Mangoni; riferendosi al divieto di vendita temporaneo imposto dall’Authority brasiliana e alla controversia fiscale. “Questi eventi, anche se non necessariamente in relazione ai fondamentali aziendali, hanno finito per impattare pesantemente sulla nostra immagine e ad un livello inferiore, sui dati finanziari“.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This