Focus

Windows 8: il parere di un utente (poco smanettone)

Windows2

Una volta si chiamavano Messaggerie Musicali, oggi si chiama Mondadori Multicenter: è li che giovedì pomeriggio Microsoft ha presentato ai blogger milanesi il nuovo sistema operativo, l’attesissimo .

La sottoscritta ha avuto l’inattesa e graditissima opportunità di provarlo in anteprima, o meglio: di spippolarci un’oretta abbondante sotto l’ottima guida di Luca che, se per caso leggerà questo post, ringrazio per la pazienza e simpatia.

Premetto una cosa: sono un utente Mac dopo anni passati con Microsoft, ho usato per un tempo sconsideratamente lungo Windows ME, e per lavoro uso quotidianamente un pc equipaggiato con Windows 7 che in un anno e passa di utilizzo mi ha mostrato la prima blue screen of death soltanto settimana scorsa. Premetto anche che non sono una smanettona in senso stretto: vivo l’accensione quotidiana del mio desktop quasi come una sorta di magia, quindi il mio è un parere da semplice utente.

Detto questo, Windows 8 è un’altra cosa. Se 7 è stato paragonato più volte paragonato a XP per la stabilità del sistema, per il nuovo Windows8 è difficile trovare un paragone con qualcosa di già noto. Microsoft ha portato le Live Tiles – già collaudate su Windows Phone – sul desktop, cambiando profondamente il modo di utilizzare un personal computer.

Io e Luca abbiamo lavorato su un Acer Iconia, un super-tablet-praticamente-un-pc perché dotato – tra le altre cose – di una porta usb che permette di collegarci mouse e tastiera, cosa che su altri tablet (iPad) non è possibile fare. Quello che salta all’occhio è, prima di tutto, la rivoluzione del famoso pulsante Start che, stanco di stare nell’angolino in basso a sinistra, ha letteralmente riempito lo schermo diventando il centro dell’esperienza di Windows 8.

Tutto è a portata di mano: mail, messaggi, fotografie, applicazioni, news, social network: tutti insieme in un’unica vista e esplorabile con un click. Indipendentemente da ciò che si sta facendo, in qualsiasi momento è possibile accedere al pannello di controllo, scaricare applicazioni e sincronizzarle, condividere contenuti, cambiare i settaggi e soprattutto, cambiare account. Questo diventa particolarmente utile quando ci sono più persone a usare lo stesso device: in due mosse si accede a un diverso profilo utente, che mantiene le preferenze dell’utilizzatore e rispetta la privacy di tutti.

Un’altra cosa che è radicalmente cambiata rispetto alle precedenti generazioni è la search: vi ricordate il maghetto di Windows 95? Ecco, dimenticatevene: quella di Windows8 è una search sotto steroidi che vi permette di trovare in pochissimo tempo tutti i documenti che stavate cercando, le foto e i video, ma anche di fare una ricerca tra le applicazioni o direttamente sul Web, risparmiando un sacco di tempo.

E poi c’è il Windows Store, che è già in grado di offrire quasi tutte le app più famose e utilizzate dagli utenti di tutto il mondo, da Skype a Instagram passando per i giochi le utility. Tutto, dalle app ai documenti passando per le foto personali, può essere salvato su SkyDrive, i corrispettivo Windows della cloud di Apple, che rende tutti i nostri file perfettamente accessibili da qualsiasi device del mondo semplicemente collegandosi al proprio account.

Lo scorso giugno Microsoft ha presentato il suo nuovo tablet, . All’epoca un giornalista del Guardian scrisse che la principale differenza tra un iPad e era che il secondo sarebbe stato in grado di sostituire perfettamente un pc, diventando un device adatto al lavoro, alla produzione di documenti e, certo, anche allo svago.

Ecco, pur non avendo messo le mani su Surface ma su un Acer Iconia, ho avuto la stessa sensazione: e cioè non sentire la mancanza di un computer per svolgere le operazioni più complesse.

 

Il tutto però in un sistema operativo intuitivo e facile da usare che, pur molto evoluto, ti fa sentire a tuo agio quanto le care vecchie icone delle precedenti versioni di Windows.

E sì, in caso ve lo steste chiedendo, è cambiata anche la blue screen of death: che ha abbandonato quelle terrorizzanti stringhe di codice e che oggi, per notificare un problema, si affida a una più comprensibile ed empatica faccina triste…

Valentina Spotti

Valentina Spotti

Nasce nel 1984 e vede per la prima volta una pagina web sul finire degli anni Novanta: ci rimane male perché si immaginava chissà cosa. Poi vennero i blog, YouTube e i social network, e nel 2009 una tesi sulla costruzione della reputazione in Rete la porta alla laurea in Scienze della Comunicazione. Per un certo periodo si è occupata di Media Education in quel di Bruxelles, poi è tornata a Milano ed è diventata web editor.

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

4 Comments

  1. marco procida

    26/10/2012 alle 10:38

    La blue screen era tanto brutta perchè non sarebbe mai dovuta apparire, Poi però Microsoft non ha centrato il tiro ed è apparsa troppo spesso, anche per televisione durante le presentazioni dei nuovi sistemi.
    Ora MS ha aggiustato il tiro, no, non è riuscita a farla sparire e a risolvere tutti i problemi fornendo un sistema stabile, la ha resa più carina.

    Dopo questo sfogo, però, sono rimasto veramente colpito dal fatto che per la prima volta si è creato un device che ci fà abbandonare il PC, almeno per la maggiuor parte degli usi.

  2. Kitty

    16/12/2012 alle 19:03

    Vorrei acquistare un notebook, senza spendere un capitale, ma la cosa non sembra facile…
    Con l’avvento di Windows 8 tutto ha assunto toni nebulosi… e sinceramente non so che pesci prendere!
    Ho un desktop con Windows XP, e mi ci trovo bene.
    Ho a che fare anche con Windows 7, col quale mi trovo ugualmente a mio agio.
    Adesso, che sto per compiere il passo verso un portatile, tutti dicono che Windows 8 non è questo granché e, soprattutto, è poco adatto a schermi non touch.
    Per intenderci, se hai un tablet vai alla grande, se hai un comunissimo desktop o un notebook senza touch non ne caverai un ragno dal buco.
    Ho spulciato la rete in lungo e in largo alla ricerca di qualcosa che mi desse la spinta per procedere con l’acquisto, ma nada de nada, solo un mucchio di pareri incompleti e discordanti.
    Chiedo a te, sperando di ricevere risposta in tempi brevi, vale la pena comprare un notebook con Windows 8?
    I pochi che si trovano ancora in giro con Seven sono vecchi e di marche semi sconosciute…
    A presto… e grazie per la risposta che vorrai darmi! 🙂

  3. Sara Paolucci

    02/01/2013 alle 17:42

    Grazie Valentina per il tuo post,
    ho acquistato un notebook da pochi giorni e sinceramente Windows8 è talmente diverso da tutti i SO utilizzati fino ad oggi da lasciarmi parecchio perplessa.

    Quello che mi è subito saltato all’occhio nelle prime ore di utilizzo è la richiesta di un account Microsoft praticamente per tutte le attività, e per me che sto tentando di concentrare tutto sul mio Google Account è un po’ fastidioso…

  4. get a best cruises dresses

    19/05/2013 alle 07:35

    Not only is this blog addictive but also very attention-grapping

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This