Media

The New York Times: crollano gli utili, ma crescono gli abbonamenti digitali

Il gruppo editoriale a cui fa capo il popolare naviga in cattive acque finanziarie. Il gruppo ha chiuso il trimestre con un utile netto in calo dell’85%. 2.3 milioni di dollari (2 centesimi per azione) contro i 15.7 milioni di dollari (10 centesimi per azione) dello stesso periodo dell’anno scorso. Non migliore la situazione del fatturato, fermo a 449 milioni di dollari (+1%) contro i 479.23 attesi dagli analisti, né quella della raccolta pubblicitaria calata del 8.9%.

I risultati del terzo trimestre – afferma l’amministratore delegato di The New York Times, Arthur Sulzberg – riflettono la persistente flessione sui ricavi pubblicitari, ma i ricavi totali della circolazione sono saliti con l’espansione della base degli abbonati digitali. Il trend degli abbonamenti digitali resta solido e, alla fine del trimestre, gli abbonamenti a pagamento nella società si sono attestati a 592.000, in aumento dell’11% rispetto alla fine del secondo trimestre”.

Sulzberg sottolinea l’unico elemento positivo tra risultati economici non positivi, ovvero la crescita degli abbonamenti digitali. Non basta, però, a rassicurare i mercati finanziari che puniscono il titolo facendogli perdere il 10% del valore.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Shares
Share This