Market & Business

Facebook: tra crescita del mobile advertising e perdite finanziarie

Facebook

sembra sia riuscito a trovare soluzioni per monetizzare i propri servizi da mobile. Il popolare social network registra una forte crescita dei ricavi da advertising mobile, arrivati a rappresentare il 14% delle entrate pubblicitarie.

Le entrate da hanno toccato i circa 150 milioni di dollari nel terzo trimestre dell’anno, contro i circa $40-50 milioni del secondo e il fatturato quasi nullo del primo.

Il trend di crescita mobile, più positivo delle attese, sembra aver rassicurato gli investitori rispetto al futuro della società; nonostante non tutti i dati economici siano proprio positivi.

Facebook registra, infatti, perdite per  59 milioni di dollari (2 centesimi per azione), rispetto ai profitti di 227 milioni (10 centesimi per azione) generati nello stesso periodo dell’anno precedente. Perdite che arrivano al fronte di una poderosa crescita del fatturato della compagnia. Le entrate sono cresciute del 32% rispetto al terzo trimestre del 2011, toccando i 1.26 miliardi di dollari.

La stragrande maggioranza (86%) delle entrate continua ad essere generata dall’advertising ($1.09 miliardi). Il fatturato pubblicitario mostra, inoltre, un andamento leggermente più positivo (+36%) rispetto alle entrate complessive.

La quota restante di fatturato arriva da pagamenti e percentuali trattenute ($176 milioni). Il trend per questa fonte di ricavo è, però, maggiormente ambiguo; vista l’incremento (+13%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente  e il declino (-9%) delle entrate rispetto al trimestre precedente. L’andamento dei pagamenti preoccupa diversi analisti dopo che , una delle maggiori aziende sviluppatrici di social game (es. Farmaville), ha annunciato un taglio del personale del 5%. Annuncio che, insieme alla diminuzione del 20% dei pagamenti da parte dell’azienda sviluppatrice a Facebook durante il trimestre, mostra forti difficoltà nel monetizzare la cospicua base utenti conquistata e fa temere per le entrate generali del popolare social network derivanti da app e social game.

Mark Zuckerberg ha ammesso di non essere soddisfatto dei trend registrati per quanto riguarda i pagamenti derivanti da game. Zynga, da sola, rappresenta il 7% del fatturato Facebook generato tramite pagamenti, ma secondo il fondatore l’andamento generale di questa tipologia di entrate è maggiormente positivo.

Trend assolutamente positivi, al contrario, per quanto riguarda l’utenza conquistata. L’utenza attiva mensile ha superato il miliardo (1.01 miliardi, Settembre) con un incremento del 26% rispetto all’anno scorso. Gli utenti attivi mensili crescono più velocemente (+28%, 584 milioni) e l’utenza mobile è esplosa rispetto al 2011 (+61%, 604 milioni). Positivo anche il trend di Instagram: l’app fotografica acquistata da Facebook è arrivata a 100 milioni di utenti attivi mensilmente dai circa 27 che aveva al momento dell’acquisizione.

Il quadro complessivo che emerge dai conti ha rassicurato gli investitori che hanno premiato il titolo. Le azioni Facebook sono schizzate del 13% nelle contrattazioni after-hours di ieri sera. La crescita del mobile advertising è il fattore che sembra aver convinto maggiormente i mercati, smentendo almeno in parte l’idea circolata che il social network non fosse in grado di monetizzare i propri servizi in mobilità. Zuckerberg ritiene, inoltre, che “nel lungo periodo vedremo un tasso di monetizzazione maggiore per il tempo trascorso su mobile che su desktop.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This