Device

USA: crescono i furti di smartphone

32_50_stoleniphone04_z

Gli hanno trasformato l’ecosistema mediale e abilitato-favorito profondi cambiamenti sociali. Non troppo sorprendentemente hanno contribuito anche a modificare i comportamenti criminali, incidendo sulle meccaniche di indagine e sul gioco-confronto tra ‘guardie e ladri’. Gli hanno, però, cambiato anche un altro aspetto delle abitudini criminali che indirettamente testimonia il successo di questi device. I furti di mobile phone rappresentano, infatti, circa la metà dei furti complessivi di quest’anno nella città di San Francisco e circa il 40% di quelli avvenuti a New York. A Los Angeles, dove rappresentano circa un quarto del totale, i furti di device mobili sono cresciuti del 27% in un anno.

La gran parte degli scippi riguarda ovviamente i più costosi, e ricchi di informazioni personali, smartphone e sembra verificarsi sui mezzi di trasporto. Le forze di polizia hanno di conseguenza dato vita a diverse campagne informative. La polizia di New York, dopo l’omicidio di un 26enne durante un tentativo di sottrazione dell’ del giovane, ha addirittura invitato gli acquirenti del nuovo 5 a registrare presso il dipartimento il numero di serie del proprio smartphone.

I furti di smartphone sono cresciuti così rapidamente da aver suscitato anche l’attenzione della politica. Un accordo tra l’autorità di garanzia e i maggiori operatori mobili permetterà, ad esempio, di creare un database unificato dei device sottratti entro il 2013. Il Senatore di New York, Charles Schumer, ha proposto l’introduzione di una pena massima di 5 anni per la manomissione dei numeri identificativi di un telefono cellulare rubato.

La Cellular Telecommunications Industry Association (CTIA) ha, inoltre, annunciato che presto gli operatori creeranno database al fine di rendere possibile la disattivazione permanente dei dispositivi rubati, in modo da renderli inutili e privi di valore.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This