Slow Economy, Slow Tech

Per la banda ultra larga è già natale

metroweb

Annunciare per diversi miliardi in una fase fortemente recessiva è chiaramente indice di forte discontinuità. E’ quanto accade nel settore delle telecomunicazioni e delle nuove infrastrutture di rete in particolare.

Sciolti (almeno in parte) alcuni nodi gordiani di tipo regolamentare e con l’avvicinarsi della fondamentale campagna natalizia, ecco comparire i nuovi servizi a banda ultra larga, sia fissi che mobili.

La sincronizzazione tra gli annunci relativi ai servizi di rete fissa e quelli di rete mobile non deve stupire, perché la massimizzazione degli effetti positivi per gli operatori di settore richiede uno sviluppo equilibrato e complementare tra le due piattaforme, altrimenti a rischio di cannibalizzazione reciproca (per il vero più a danno dei servizi di rete fissa).

Banda ultra larga fissa. Telecom Italia ha annunciato che lancerà i propri servizi a banda ultra larga nelle 7 città principali con prestazioni che andranno da 30 a 80 Mbit/s su architettura FTTC (per motivi regolamentari si tratta delle città nelle quali sono già attivi i servizi Fibra100 di Fastweb).

Con il nuovo anno, e l’approvazione finale delle condizioni regolamentari, la copertura si estenderà poi progressivamente, con l’obiettivo di arrivare a 100 città a fine 2014. Inoltre, nelle principali 20 città anche Fastweb ha appena annunciato la realizzazione della propria infrastruttura di rete (sempre FTTC), che verrà realizzata condividendo alcuni investimenti con la stessa Telecom Italia.

? Come noto, TLC, principale azionista di Metroweb, ha annunciato all’inizio di questo anno un piano per replicare il modello Milano (offerta all’ingrosso di fibra fino a dentro le case, secondo un’architettura FTTH) in una trentina di città a maggiore potenziale.

Tuttavia, mentre a Milano l’adesione al piano da parte di tutti gli operatori è confermata e Metroweb è di fatto il fornitore di riferimento della fibra ottica, i progetti annunciati da Telecom Italia e Fastweb rendono più difficile l’effettiva realizzazione del piano, venendo a mancare due dei principali clienti potenziali.

Si prevedono comunque nuovi interventi in alcune città dove sono stati siglati accordi con le società multi servizi locali per rilevare infrastrutture esistenti già dal 2013, in attesa che si trovi un punto di equilibrio tra i diversi attori (rimandiamo a un’altra puntata il legame con l’eventuale scorporo della rete di Telecom Italia e il ruolo della Cassa Depositi e Prestiti).

Banda ultra larga mobile. Mentre la rete fissa si risveglia, quella mobile non sta certo a guardare, a maggior ragione a fronte di 4 miliardi di investimenti fatti per l’acquisto delle frequenze .

E’ di questi giorni l’annuncio di Telecom Italia dei nuovi servizi mobili “Ultra Internet”, con prestazioni “fino a 100 Mbit/s” e prezzi dell’ordine di 30-40 euro al mese, che vedranno la luce in 20 città entro fine anno, inizialmente per chiavette e tablet, ma poi anche per gli smartphone.

Massima attenzione a non aggredire i servizi di rete fissa, anche se il valore nominale annunciato non aiuta certo il povero consumatore a capire cosa sta accadendo, al punto che sarebbe opportuno inserire qualche asterisco di più e alcune note con carattere visibile anche agli esseri umani…

Banda e servizi. Cosa ci porterà tutto questo? Velocità, velocità, velocità. Servizi, servizi, servizi, in formati che si sono intravisti con l’annuncio dell’offerta “Ultra Internet” mobili, vale a dire cloud, musica, calcio, libri e così via (le “cubofferte” nel gergo di Telecom Italia).

Tutto questo non per tutti o, perlomeno, non subito…

Cristoforo Morandini

Cristoforo Morandini

Cristoforo Morandini lavora da oltre 20 anni nel settore dell’ICT, analista per professione, studia le trasformazioni digitali per passione. Laureato in Discipline Economiche e Sociali, dopo un’esperienza accademica entra nella consulenza marketing e strategica, prima nel settore informatico e successivamente nelle telecomunicazioni. Ha creato e dirige l’Osservatorio Banda Larga, che dal 2000 analizza gli scenari regolamentari, tecnologici e di mercato alla base della convergenza multimediale. Advisor in operazioni di
M&A.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Per la banda ultra larga è già natale | Cristoforo Morandini's Blog

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This