Market & Business

Intel risultati finanziari negativi sia per PC che per server

intel

chiude il trimestre registrando un andamento negativo che dovrebbe continuare anche nel prossimo, mentre le stime di vendita dei PC segnalano una riduzione del mercato globale e la divisione aziendale dedicata al corporate business registra a sua volta risultati deludenti negli ultimi tre mesi. Un dato significativo, poichè in passato è stata proprio la divisione corporate business a compensare parzialmente il rallentamento del segmento PC.

La corporation ha realizzato, durante gli ultimi tre mesi, ricavi per 13,45 miliardi di dollari, in diminuzione rispetto ai 14,23 miliardi di dollari del terzo trimestre del 2011. L’utile operativo e l’utile netto si sono ugualmente ridotti. Il lordo è pari a 3,84 miliardi di dollari contro i 4,78 dello stesso periodo dell’anno scorso, quello netto è passato dai 3,46 del Q3 2011 ai 2,97 miliardi di dollari di quest’anno.

Le entrate suddivise per settore di business confermano il cattivo andamento del mercato PC, che secondo diversi analisti dovrebbe registrare globalmente a fine anno la prima contrazione dal 2001. Intel sconta, infatti, una riduzione del fatturato dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con ricavi per  PC Client Group pari a 8,6 miliardi di dollari. L’andamento non è positivo neanche per il business server e data center rivolto alle aziende, a differenza dei trimestri precedenti in cui il settore aveva ottenuto risultati maggiormente positivi. Le compagnie hanno rallentato gli acquisti di server sia per il cattivo contesto macroeconomico che per razionare le spese in attesa dei bilanci di fine anno, conseguentemente il corporate business di Intel ha registrato una battuta di arresto (-5% rispetto al trimestre precedente, -6% rispetto al Q3 2011), con un fatturato trimestrale per il Data Center Group pari a 2,7 miliardi di dollari.

Le previsioni per il prossimo trimestre dell’azienda sono altrettanto negative e al di sotto delle attese degli analisti (Ricavi: 13.6 miliardi di dollari (+/- 500 mln); Margine lordo: 57% (+/- 2%)).

Paul Otellini, CEO di Intel, ha spiegato che “i risultati del terzo trimestre riflettono un contesto economico difficile” e sottolineato le forti trasformazioni del settore: “il mondo della tecnologia attraversa una fase  di forte innovazione e creatività“. Il CEO, per il prossimo trimestre, punta particolarmente sui “continui progressi negli Ultrabooks e nei mobile phone” e sulla prossima immissione sul mercato di diversi “Intel-based tablet”.

Gli Ultrabook però, secondo molti analisti, hanno disatteso le forti aspettative di mercato ed un numero ancor maggiore di esperti ritiene il mercato PC destinato a ridursi; principalmente per effetto del grosso successo dei tablet, ma anche per la progressiva saturazione del settore. Stacy Smith, Chief Financial Officer di Intel, non è d’accordo. “Mi aspetto senza dubbio una crescita nel segmento dei PC, e sono fermamente convinta che il livello di innovazione che stiamo vedendo negli Ultrabook sarà uno dei catalizzatori” di questa inversione di tendenza.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Smartphone: superato il miliardo di esemplari nel mondo | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This