ICT & Telco

Wind: salvi i posti di lavoro e rimane la Rete

wind

I 1.800 posti di lavoro a rischio in saranno tutelati. La società non intende più procedere al progetto di della ma i lavoratori dovranno fare qualche sacrificio per sostenere il nuovo piano a cinque anni lanciato dall’azienda. Il piano prevede efficienze per 35 milioni di euro, ma nessuna societarizzazione o esternalizzazione.

Viene chiesto un sacrificio ai lavoratori – hanno commentato Salvo Ugliarolo della Uil e Giorgio Serao della Cisl (a seguito della trattativa no-stop di 24ore con l’azienda) sottolineando però che – questo accordo rappresenta un cambiamento di indirizzo in tutto il settore delle Tlc, è un cambiamento di tendenza“. Secondo i due responsabili sindacali, infatti, con questo accordo “passa il principio per cui il perimetro societario resta invariato e viene pensato un piano industriale a cinque anni, una lunghezza temporale che ormai nessuna azienda fa più“.

L’accordo, che è stato firmato da Cgil-Cisl e Uil, passa attraverso una stretta sui benefit, ma a fronte di ciò, fino a tutto il 2017 la società internalizzerà alcune attività e garantirà che non ci saranno societarizzazioni. Il piano di esternalizzazione della rete era stato inizialmente messo a punto da Wind nella primavera del 2011, ma all’inizio del 2012, con l’intervento del Ministero dello Sviluppo economico; l’azienda ha optato per accettare la sospensione del processo ed ha avviato un dialogo costruttivo con i sindacati.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This