Market & Business

Foxconn nega proteste e blocco della produzione iPhone

(FILES) In a file picture taken on May 2

La nota compagnia cinese Technology Group, capofila nella produzione degli smartphone della , ha negato nei giorni scorsi che proprio la produzione degli sia stata rallentata a causa delle proteste dei lavoratori.

Pare infatti, stando ad alcune fonti nazionali e straniere come China Labor Watch, che un nutrito numero di dipendenti della compagnia (tra i 3mila ed i 4mila operatori), abbiano dichiarato lo sciopero nella sede di Zhengzhou, protestando per i bassissimi standard di qualità e controllo, oltre che per l’obbligo di lavorare anche durante i lunghi periodi di festività nazionale.

Nonostante le reticenze della Foxconn, pare che da venerdì siano state sospese alcune linee di produzione a causa dello sciopero indetto dai dipendenti; secondo la Foxconn, invece, si tratterebbe di piccole controversie tra i lavoratori della linea di produzione e quelli addetti alla certificazione della qualità. Per questo, in queste ore, le rappresentanze dei due settori dovrebbero incontrarsi per trovare un accordo. Secondo fonti cinesi, però, il problema sarebbe più serio e legato alle forti pressioni attribuibili alla Apple e alla sua preoccupazione per le segnalazioni di alcuni clienti riguardo a difetti estetici del nuovo iPhone 5.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This