Market & Business

Editoria scolastica: la Rizzoli punta sul digitale

iPad_eBook

La Rizzoli Libri sceglie di puntare sul digitale. Quasi in contemporanea al Consiglio dei Ministri che il 4 ottobre varava gli ambiti d’azione dell’ italiana, si assisteva a un cambio ai vertici della Divisione Education, ai primi posti per quanto riguarda l’ scolastica in Italia. Dai primi di Ottobre il manager di  per la scuola, Massimiliano Galioni, è andato in pensione, rimanendo nell’orbita della casa editrice Rizzoli in qualità di consulente. Al suo posto, l’Amministratore delegato di Libri Alessandro Bompieri ha inserito Giorgio Riva che finora è stato direttore generale di Digital, facendo nascere e crescere il business digitale del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport.

La scelta è ricaduta su Giorgio Riva come risposta alle novità del settore scuola e digitale, contenute anche nell’articolo 11 tra del “Decreto crescita 2”. Nella parte dell’articolo relativa ai libri e ai centri scolastici, si legge infatti che “dall’anno scolastico 2013-2014 nelle scuole sarà progressivamente possibile adottare libri di testo in versione esclusivamente digitale oppure abbinata alla versione cartacea“.

Per il business digitale dei quotidiani Rcs, invece, il ruolo di Riva sarà rivisto per attribuirne le funzioni ai direttori delle divisioni: Luca Traverso per la Divisione Corriere della Sera e Giacomo Catano per la Divisione Gazzetta dello Sport.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This