ICT & Telco

Agcom: approvata prima bozza regole per asta frequenze TV

asta-frequenze

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato ieri all’unanimità la prima bozza del provvedimento che dovrà fissare le procedure di gara per l’assegnazione delle televisive liberatesi con il passaggio al digitale terrestre.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, sulla basse delle procedure fissate dall’, concederà i diritti d’uso mediante un’asta pubblica, dopo che il cosiddetto “beauty contest” era stata annullato dal Ministro Passera.

La bozza dovrà essere ora trasmessa alla Commissione Europea “per un confronto tecnico”. L’UE dovrà, infatti, esprimere, prima dell’approvazione definitiva, un parere formale necessario per il superamento della pendente procedura d’infrazione. Lo schema di provvedimento sarà, inoltro, sottoposto a consultazione pubblica tra i soggetti interessati.

All’asta potranno partecipare, secondo la legge 44/2012, società che gestiscono reti di antenne e il governo spera di incassare una somma considerevole dai diritti d’uso, come nel caso delle frequenze concesse alla compagnie telefoniche (4 miliardi).

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Pingback: Mediaset: incerta la partecipazione all'asta per le frequenze TV | Tech Economy

  2. Pingback: Frequenze tv: la UE auspica di riservarne tre per nuovi operatori? | Tech Economy

  3. Pingback: Frequenze tv: la UE vuole RAI e Mediaset fuori dall'asta di assegnazione? | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This