Legal & Digital Rights

UE: Apple e altri 4 editori vicini ad accordo su cartello eBook

ebook-Ebook: parte processo contro Apple sul prezzo dei libri digitali

L’Unione Europea potrebbe presto chiudere l’indagine avviata sul mercato degli , a causa di una strategia di diversi editori che avrebbero portato alla formazione di una sorta di cartello allo scopo di mantenere elevati i prezzi.

La Commissione ha, infatti, accolto le proposte di e di 4 editori ( (Simon & Schuster, Harper Collins, Hachette e Verlagsgruppe Georg von Holzbrinck) e le testerà sul mercato. Qualora si rivelassero efficaci, l’ le renderà legalmente vincolanti.

Le cinque società, in sostanza, rinunceranno ad adottare un modello di vendita basato su contratti da agenzia. Gli eBook sono, infatti, distribuiti attraverso una modalità molto diversa rispetto ai libri cartacei, che vengono venduti all’ingrosso ad un prezzo deciso dagli editori (generalmente più o meno la metà del prezzo di copertina). Il rivenditore aggiunge al prezzo stabilito dall’editore il margine di guadagno desiderato.

Apple, al contrario, insieme ad altri editori, a quanto pare su suggerimento di Steve Jobs, è riuscita ad imporre un ‘modello agenzia’ nel mercato degli eBook. La differenza è notevole; tramite questa tipologia di contratto è l’editore a stabilire l’intero prezzo di copertina e al rivenditore va il 30% di questo. La strategia commerciale sarebbe stata adottata per impedire ai rivenditori al dettaglio, ed in particolare ad Amazon, di praticare politiche di prezzo molto aggressivi tramite forti sconti.

Tale strategia ha fatto salire, però, il prezzo degli eBook; motivo per cui sono state avviate indagini antitrust sia negli USA che in Europa.

Le cinque società rinunciano, secondo le proposte, al modello agenzia e i rivenditori saranno liberi di fissare il prezzo al dettaglio degli eBook per due anni. Inoltre, si impegnano a non inserire nei contratti stipulati la cosiddetta  clausola del ‘paese favorito’ per cinque anni.

Qualora una delle società dovesse violare gli impegni presi, la Commissione Europea potrebbe a quel punto infliggerle una multa fino al 10% del fatturato annuo globale.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This