Device

iPhone 5: oggetto del desiderio anche degli utenti Android e BlackBerry?

iphone5

L’ si è già trasformato in un’oggetto del desiderio, nonostante alcune reazioni tiepide che ritengono il nuovo smartphone un’innovazione non rivoluzionaria.

I consumatori statunitensi non sembrano, però, disposti a rinunciare all’ultima novità della mela. Un terzo (33%) dei cittadini USA, stando ad una recente ricerca, vorrebbe il nuovo device. Tra gli aspiranti possessori, inoltre, ci sarebbero il 56% degli utenti BlackBerry e il 32% di quelli Android, ulteriore garanzia di successo per Apple. Le reazioni degli utenti Android sono, però, più contrastate, visto che il 33% dichaira che non acquisterebbe mai l’iPhone 5.

Il sondaggio (2000 partecipanti), effettuato a poche ore dal lancio dalla società di Toluna QuickSurveys, ha analizzato, inoltre, le caratteristiche del nuovo smartphone che maggiormente hanno convinto gli statunitensi. Il 58% è stato colpito dal nuovo look, ma la durata maggiore della batteria e la maggiore potenza di calcolo risultano le caratteristiche maggiormente apprezzate. Gli intervistati trovano, al contrario, deludente l’assenza di ricarica senza fili (24%) e di micro-USB (24%). In ogni caso, circa la meta dei consumatori si dichiara “estremamente soddisfatto” dalle caratteristiche del nuovo device annunciate.

Il nuovo device, stando a vari report, avrebbe, comunque, già raggiunto il limite di pre-ordini on-line.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This