ICT & Telco

Nanotecnologie: dagli USA il QR Code invisibile anti contraffazione

QR2

Non è più un mistero per nessuno la natura versatile dei (Quick Response Code), e di quante potenzialità in più offrano rispetto ai tradizionali codici a barre; ma al di la del loro sempre più diffuso uso nel marketing e nella comunicazione online, ora possono essere impiegati anche per combattere la contraffazione.

Un gruppo di scienziati statunitensi, ha ottenuto una versione invisibile a occhio nudo dei QR Code, impiegando nano particelle e inchiostro fluorescente; visibili esclusivamente sotto una luce laser. Questo rende possibile un loro impiego assai versatile in qualsiasi settore del contrasto alla contraffazione, in particolare nell’ambito delle banconote. Una forma di contraffazione questa, che secondo le stime dell’OCSE costa all’economia mondiale 250 miliardi di dollari l’anno.

Il QR Code invisibile, realizzato dagli scienziati dell’Università del South Dakota in collaborazione con la South Dakota School of Mines and Technology, è composto da nano particelle mescolate ad inchiostro fluorescente; visibili solo attraverso un laser ad infrarossi.

Il procedimento è noto come “upconversion”, generato dal fatto che le nano particelle assorbono fotoni ad una certa lunghezza d’onda, e li riemettono ad una lunghezza d’onda non visibile ad una luce normale. Stando a quanto spiegato dal responsabile del progetto Jeevan Meruga, l’individuazione del QR Code può essere resa ancor più difficile utilizzando inchiostri con percentuali più elevate di nano particelle. Quel che è certo, è che una volta evidenziato dal passaggio del laser, il QR Code invisibile può essere letto direttamente da un semplice .

Ma come riportato dalla rivista accademica internazionale , che ha pubblicato lo studio, i codici possono essere resi anche più “complicati” rendendo necessario un microscopio per esaminarli. Inoltre, i QR Code invisibili possono essere stampati su differenti supporti oltre alla carta, tra questi il vetro e le pellicole di plastica; rendendolo così adattabile ed efficace per qualsiasi prodotto soggetto rischio di falsificazione.

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. roberto conzato

    14/09/2012 alle 11:41

    Ho visto questo nuovo prodotto, mi sembra un pò complicato e sicuramente costoso e fantascientifico.
    C’è un sistema brevettato che si può vedere
    sul sito http://www.tulain.com” che garantisce l’anticontraffazione e la tracciabilità in modo sempliceed economico. sistema fatto in Italia, Green ed ecosostenibile.

  2. Chiara

    14/09/2012 alle 11:53

    Interessante ma sicuramente troppo costoso. esiste sul mercato un brevetto che si chiama tulain: si avvale di qr code, è eco sostenibile e difende l’originalità di merci e prodotti.

  3. roberto

    19/01/2013 alle 00:57

    C’è un sistema brevettato e marchio registrato che si chiama aggiungimiaipreferiti che si basa sui qrcode e opera in diversi ambienti dal 2008

    http://www.youtube.com/watch?v=io-4eYr-ZbI

    http://www.youtube.com/watch?v=UpFLGxoo5G0

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This