Device

iPhone 5: Apple svela al mondo la sua creatura

iPhone5

L’attesa è finita e con essa la girandola di rumor che negli ultimi mesi ha affollato il web e non solo. In queste ore, a san Francisco, Tim Cook ha presentato ufficialmente al mondo l’, la nuova creatura di casa Cupertino, confermando (ed in parte smentendo) quanto sino ad ora si era ipotizzato.

Molti i rumor della vigilia: uno schermo più grande e un connettore più piccolo, migliorie a Ram, batteria e fotocamera e forse il debutto del nuovo sistema operativo, iOS 6. Molti dubbi, invece, restavano sul possibile lancio di un Mini Ipad o sul supporto o meno a reti 4G o Lte.

La presentazione dell’iPhone 5 è stata degna delle aspettative, con un Tim Cook in grande forma che apre dando gli impressionanti risultati in termini di vendite degli ultimi prodotti (se il numero di 17 milioni di unità vendute dell’ultimo modello di iPad non bastassero a rendere l’idea delle dimensioni del fenomeno, si aggiunga che l’iPad copre il 62% dell’installato nel settore tablet, e che il solo iPad genera il 91% del traffico mobile proveniente da Tablet).

Ma veniamo al nuovo iPhone5: “il più bello di sempre” (ovviamente) secondo Phil Schiller.

Queste le caratteristiche principali del prodotto che tutti aspettavano: per quanto riguarda il form factor è il 18% più sottile dell’iPhone 4S e – con i suoi 112 grammi – del 20% più leggero. Naturalmente ha il Retina Display, con 326 punti per inch ed un display da 4 polici (per garantire la maneggevolezza) con una risoluzione di 1136 x 640.

La connettività prevede – oltre alle reti già supportate – HSPA+, DC-HSDPA, e finalmente anche LTE. IPhone5 dispone di connettività Wi-Fi, 2.4ghz e 5ghz su 802.11n e per quanto riguarda la grafica il chip A6 è due volte più veloce del vecchio A5 ed il 22% più piccolo. La  CPU ed il comparto rafico sono così, secondo Apple, 2 volte più veloci del precedente iPhone 4s. Il tutto con una batteria di durata maggiore, che sembra garantire 8 ore di conversazione ed arriva a 225 ore in standby.

Quanto alla fotocamera, già di ottima qualità nell’iPhone 4S, gli 8 megapixel consentono di scattare foto in 3264×2448 con una qualità superiore rispetto al passato grazie ad un sistema che sfrutta un nuovo meccanismo di allineamento delle lenti, che ora sono di vetro zaffiro. Lo scatto, inoltre, è del 40% più rapido che in passato. Particolarmente interessante la nuova funzionalità integrata che permette – con Shared Photo Stream e Panorama – di scattare foto che arrivano ad una risoluzione complessiva di 28 megapixel tramite l’unione di più scatti.

Numerose migliorie anche sul fronte del video: risoluzione 1080p con stabilità migliorata e face detection. Da notare come si possano scattare foto anche mentre si girano i video, e come i tre microfoni garantiscano un audio migliore dei modelli precedenti. Una novità che non farà piacere agli operatori telefonici: sarà possibile fare chiamate con FaceTime anche con una connessione 3G. Presentati anche il nuovo iOS6. Le implementazioni di Siri ed il sistema di navigazione che dovrebbe sostituire le mappe di Google. I prezzi? Gli stessi dell’iPhone4s.

La sfida, sul fronte smartphone, è aperta. Ed iPhone 5 – come molti avevano immaginato – è il nuovo riferimento da abbattere.

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Lorenzo

    12/09/2012 alle 20:18

    E questo pseudo-novità valgono 600/800 euro? Ma stiamo scherzando?

  2. Pingback: iPhone 5: tutte le foto della presentazione | Tech Economy

  3. Pingback: iPhone: il 75% dei possessori passerà alla nuova versione | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This