Market

HP annuncia un taglio ulteriore di 2000 posti di lavoro

ha annunciato l’intenzione di tagliare altri 2mila posti di lavoro e costi extra per 200 milioni di dollari, all’interno di un progetto di ristrutturazione dell’azienda a livello globale. A determinare la decisione, vi è la progressiva contrazione a livello di mercato che determina la  necessità di rivedere il proprio posizionamento e, se necessario, a distaccarsi dal business dei PC.

Inizialmente l’azienda aveva annunciato a Maggio l’intenzione di tagliare 27mila posti di lavoro in differenti settori e a livello globale, entro la chiusura dell’anno fiscale del 2014; ieri l’ulteriore annuncio di voler tagliare 2mila risorse, arrivando così complessivamente a 29mila unità in meno, molte delle quali saranno destinate al “pre-pensionamento” (soprattutto sul fronte USA).

La ristrutturazione di HP riguarderà il taglio del 9% del personale ed il suo costo si aggira attorno ai 3,7 miliardi di dollari, e di questi 3,3 saranno dovuti ai costi pensionistici; 400 milioni invece serviranno a sviluppare altri , inclusi il segmento dei data center e il consolidamento del real estate.

L’operazione d’altro canto, viene richiesta anche dal mercato, che ha spinto ieri il titolo a rialzo dell’1,2% pari a 17,50 dollari ad azione alla borsa di New York; ma complessivamente nel 2012, il valore del titolo è calato del 32% nell’arco di un anno.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Assintel: contrazione mercato IT ma crescono cloud e tablet | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This