Market & Business

Apple: ridotti gli ordini di memory chip da Samsung

memory chip

ha ridotto gli ordini di memory chip da Electronics, principale fornitore e concorrente, in vista del lancio dell’iPhone 5, atteso mercoledì prossimo.

La Casa di Cupertino, scrive il quotidiano Chosun Ilbo, è stato il più grande cliente del colosso sudcoreano producendo microprocessori, schermi piatti e memory chip (Dram e Nand) per iPhone, iPad e iPod, fino a sfiorare circa 9 miliardi di dollari di controvalore nel 2011. A incidere sulla decisione di Apple, anche il duro scontro legale sui in atto tra le due società in quattro continenti, al punto da spingere la società californiana ad avviare contatti con altri big dei microprocessori in Cina, Giappone e Taiwan.

Esperti di settore, infatti, hanno riferito che Apple non ha presentato ordini di memory chip a Samsung per l’assemblaggio dell’iPhone 5, la cui prima serie ammonterebbe a diversi milioni di pezzi. Gli ordini, invece, sarebbero arrivati alla sudcoreana Hynix e alla nipponica Elpida per i chip Dram e sempre alla Hynix e alla giapponese Toshiba per le Nand. Fino a poco tempo fa, Samsung era il fornitore leader di Apple nella misura di circa il 30% dei chip Nand e Dram per iPhone. Anche sugli schermi Lcd, il colosso Usa ha usato i manufatti hi-tech della rivale per il lancio dell’iPhone 4 del 2010. Tuttavia, malgrado la stretta, Apple continuerà a utilizzare i microprocessori per applicazioni dalla Samsung, componenti chiave che lavorano come “cervello” degli smartphone.

La svolta della società fondata da Steve Jobs, con la forte riduzione degli ordini, è – secondo esperti del settore – legata alla volontà di frenare la rapida e pericolosa crescita di Samsung nel mercato degli smartphone.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This