Legal & Digital Rights

Foxconn: nuovi guai per l’azienda cinese che produce i device Apple

foxconn

In Cina migliaia di studenti cinesi sono stati letteralmente costretti a frequentare degli “stage” malpagati presso le fabbriche della . La vicenda degli stage forzati è stata rivelata dagli stessi studenti in dichiarazioni riportate oggi dal quotidiano Shanghai Daily.

I ragazzi venivano pagati 243,97 dollari al mese per lavorare sei giorni su sette per dodici ore consecutive al giorno, alla produzione dei device della Foxconn, azienda taiwanese nota per essere la principale produttrice dei device . Non riuscendo a star dietro alla domanda del mercato interno cinese (e forse non solo di quello), l’azienda ha optato per ulteriori giovani risorse, costrette, pare, al rinvio dell’appertura del semestre dalle loro facoltà universitarie.

L’iniziativa sarebbe motivata dalla necessità dell’ impresa di aumentare la produzione del nuovo modello dello smartphone della Apple, l’iPhone5.

Oltre che per la Apple, la Foxconn produce per altri giganti dell’elettronica tra cui la giapponese Sony, ed è tristemente nota per essere stata al centro del dramma dei suicidi che nei mesi scorsi ha attirato l’attenzione mondiale sulla condizione dei suoi lavoratori.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This