Legal & Digital Rights

Germania: la funzione di riconoscimento facciale di FB ancora sotto indagine

Facebook tag

L’Autorità tedesca per la protezione dei , ha deciso di riaprire l’inchiesta sulla tecnologia di impiegata da . Il “tagging” automatico dei volti impiegato dal social network, che permette di individuare automaticamente i visi nelle foto caricate, suscita nuove perplessità presso l’Agenzia di Amburgo. Questo poiché continua a non richiedere il consenso agli utenti per l’utilizzo del sistema.

Questi dati sono stati raccolti senza il necessario consenso da parte degli utenti – ha spiegato il Professor Johannes Caspar, Commissario dell’ di Amburgo – rendendo inevitabile la riapertura del procedimento da parte dell’Agenzia nei confronti di Facebook“.

Secondo il Commissario, Facebook deve cancellare i dati già raccolti e garantire che gli utenti diano il loro consenso per l’impiego dei dati stessi. Secondo il Professor Caspar, infatti, va comunicato che è in uso questa tecnologia, poiché un data base contenente dati biometrici di milioni di volti ha “un immenso potenziale” che può essere impiegato in modo improprio e rischioso.

L’indagine delle autorità tedesche era stata inizialmente sospesa a giugno, quando Facebook aveva comunicato ad Amburgo di essere ad un punto di svolta con l’Authority irlandese per la protezione dei dati. Quest’ultima sta tutt’ora svolgendo un audit sulle politiche per la privacy della compagnia, e la sospensione da parte tedesca era dovuta proprio a questo accordo in corso tra Facebook e le autorità irlandesi.

Facebook ha già sospeso la raccolta di dati biometrici e si è detta disposta a rivedere in tal senso le proprie procedure e policy, ma questo alle autorità tedesche non basta più. Tanto che il Commissario Johannes Caspar ha dichiarato senza mezzi termini: “Facebook pare riconosca che la sua procedura di raccolta dei dati biometrici è in conflitto con le leggi di tutela dei dati utente europee e tedesche – ed ha però aggiunto – Facebook non ha il diritto di interrompere il suo impegno a metà strada. È deplorevole che non abbia optato per una soluzione consensuale e che cerchi invece di guadagnare tempo“.

Ora, quindi, riprenderà il procedimento amministrativo nei confronti del noto social network e, dato il parere giuridico dell’Authority oltre a quello negativo già espresso dal suo vertice, c’è da aspettarsi che Facebook potrà ben poco negoziare. Da Amburgo hanno fatto chiaramente presente che intendono avere garanzie precise sul metodo che sarà applicato per il consenso informato degli utenti (oltre alla tutela del loro diritto alla cancellazione di quanto già archiviato).

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This