Device

King.com punta sui giochi cross-platform e ha successo

bubblewitchmobile

Con più giochi a disposizione dei consumatori e su più dispositivi, anche all’interno delle proprie case, le aziende si trovano a dover cambiare (come stanno facendo) il loro modo di sviluppare e distribuire i giochi.

Un’azienda leader nel settore: King.com, ha lanciato di recente una versione mobile del celebre gioco Witch Bubble Saga, rendendolo disponibile per i dispositivi con sistema operativo Apple. Dunque sia per iPhone, che iPad e iPod Touch.

Il gioco conta più di 4,5 milioni di utenti attivi al giorno su diventando il primo gioco del social network, ed è perfettamente compatibile con i vari dispositivi consentendo all’utente di trasferire classifiche, punteggi di gioco.

In un’intervista per la rivista Forbes, il CEO di King.com, Riccardo Zacconi ha spiegato che “l’industria deve concentrarsi maggiormente sui giochi per dispositivi mobili – ecco perchè secondo Zacconi – lanciare un vero e proprio cross-platform game attraverso Facebook è stato una priorità per King.com“.

I giocatori possono avere una soluzione di continuità con il gioco, mantenendosi continuamente connessi all’applicazione Facebook, e questo vuol dire che la tendenza ad usare ed altri dispositivi mobili; sta divendando un elemento con il quale tutte le imprese dovranno fare i conti.

Anche se Facebook continua ad attirare nuovi utenti – prosegue Zacconi – i dati recenti dimostrano che i grandi giochi di società come quelli di Zynga stanno perdendo giocatori. Eppure, c’è ancora una marea di possibilità su Facebook se si punta all’approccio multi-screen.”

Secondo una recente indagine condotta da PopCap, infatti, la metà dei giocatori degli Stati Uniti e nel Regno Unito preferisce giocare con i dispositivi mobili, anche mentre è a casa. Molti di questi giocatori prediligono (57%) o smartphone mentre guardano la TV o interagiscono con altri schermi. Ciò sta anche cambiando il modo in cui gli sviluppatori di giochi dovranno avvicinarsi al franchising.

La strategia di Zacconi sarà quella di creare dei giochi per il sito King.com, ma se li non rendesse, l’azienda conta di provare per ciascun gioco a sviluppare una versione per Facebook così da cercare di “trainare la domanda” poi verso il sito.

Stiamo assistendo all’adozione dei nostri giochi da questi dispositivi in continua ​​crescita ogni trimestre e, naturalmente, fornendo la massima scelta riguardo al dispositivo da utilizzare. – ha evidenziato Zacconi, aggiungendo – Abbiamo spostato Witch Saga Bubble da tastiera e mouse del PC a qualcosa che si può giocare con un dito su tablet, in piedi in autobus o in treno e questo è una grande risorsa per l’esperienza di gioco“.

Zacconi sottolinea, infatti, tre motivi per i quali puntare sullo sviluppo di giochi cross-platform. In primo luogo, forniscono un maggiore livello di accesso ai giochi dove e quando i giocatori preferiscono, sia che si trovino a casa o in viaggio; in secondo luogo, con le loro continue opportunità d’utilizzo, tenderanno a sostituire il gioco da PC. Lo dimostra uno studio della società statunitense di ricerca Alpha Wise, che ha rilevato come l’uso del tablet ha ridotto del 37% l’utilizzo da PC nel 2011. Il terzo ed ultimo motivo, secondo Zacconi, è che ci sono molti modi diversi di giocare con un tablet rispetto agli strumenti standard. Tra questi va considerata la possibilità di condividere l’esperienza di gioco in due, oppure scambiandosi l’iPad durante i turni di gioco.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This