Visions

TripAdvisor: quantità vs. qualità?

TripAdvisor

Ieri ho ricevuto, come molti immagino, una mail da in cui si annuncia con grande enfasi il raggiungimento dei 75 milioni di recensioni. Un bel traguardo e una comunicazione facile da veicolare.

Ma la mia sensazione, e non da ora, è che si stiano perseguendo obiettivi più quantitativi che qualitativi. Per chi avesse voglia di altri numeri è possibile consultare l’intera infografica creata proprio per la celebrazione.

Il payoff di TripAdvisor sul sito italiano recita “Il portale di viaggi più grande del mondo” in linea con molte traduzioni di altre versioni straniere. Ma ho notato alcune cose curiose:

  1. la versione USA e UK del sito sono senza payoff, mentre altre versioni in lingua inglese (per esempio Australia o Canada) riappare: un caso?
  2. curiosamente nell’immagine mandata attraverso la newsletter di ieri, appare la dicitura la community di viaggi migliore del mondo. Credo che ‘migliore’ sia cosa assai diversa da ‘più grande’. Il primo è un giudizio di merito, il secondo è un’attestazione numerica. E poi “migliore” per chi? Chi ha decretato questa classifica? Per deformazione professionale – da docente e blogger – la fonte di un dato mi interessa molto. Se TripAdvisor o altri mi segnalassero lo studio sarei felice di studiarlo e pubblicarlo.
  3. sulla home del sito italiano appare la dicitura scarica gratis la migliore applicazione di viaggio mentre su quella statunitense, irlandese o brasilana appare la dicitura “Get the #1 travel app FREE”. Anche in questo caso le parole hanno significati diversi.

Su Facebook, leggendo la mia timeline, percepisco in aumento le lamentele di molti albergatori, solitamente aperti e innovatori, per la pubblicazione di recensioni quantomeno “strane” (non per contenuto ma per cronologia: le date sono estremamente ravvicinate) che, a loro dire, un tempo non sarebbero passate attraverso il filtro interno dell’azienda.

 

Mi sto chiedendo se questa politica aggressiva possa pagare nel tempo e se sia in qualche modo collegata ai dati recenti non positivi che provengono dai mercati finanziari.

Provo, a titolo personale, una certa insofferenza per quella che viene definita la moda dei supereroi del web o – più in generale – l’adozione di metriche dei vecchi media nei new media. Il caso, vero o presunto, dei falsi follower di politici italiani, dimostra l’attualità della questione. Insofferenza ma anche perplessità professionale. Ritengo, infatti, che queste strategie non saranno efficaci. Forse nel breve, in una fase di transizione come quella attuale, possono dare dei risultati. Ma chi di brand reputation ferisce di brand reputation perisce. Almeno se non porrà rimedi.

Roberta Milano

Consulente e docente universitaria presso l’Università di Genova. Co-fondatrice di BTO Educational, associazione che si occupa di formazione e ricerca sui temi del online. Curatrice e autrice del libro Viaggi in Rete (FrancoAngeli). Coautrice del libro Linguaggi Digitali per il (Apogeo). Dal 2006 scrive sul suo blog di , marketing e innovazione.

Facebook Twitter 

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

4 Comments

  1. Daniele Ferla

    27/07/2012 alle 13:58

    Interessanti deduzioni e condivido con quanto letto nel tuo post. Sul web vince la qualità e non la quantità di certo (come per esempio la sempre fallimentare vendita di Like in Facebook). Ad ogni modo secondo me su TripAdvisor non serve perdere altro tempo…è una community ormai tenuta impiedi da recensioni fasulle e da utenti fantasma!

    Ciao
    Daniele

  2. Elena (@elyl)

    27/07/2012 alle 14:14

    Io, per ora, con tripadvisor mi trovo bene.
    Non leggo tutto, ma filtro.
    Ci sono recensioni evidentemente false che non considero, sia in un senso che nell’altro.

    E, parlando con altri amici utenti, scopro che molti fanno come me.
    C’è speranza? 🙂

  3. Roberta Milano

    27/07/2012 alle 15:07

    Il discorso è complesso e molto diverso se lo si affronta da utenti o da operatori. TA ha sicuramente rivoluzionato il travel. Mentre un utente può ovviare, come Elena, utilizzando i filtri per affinare la ricerca, un operatore ha strade più complicate e lunghe per chiedere l’eliminazione di una recensione ritenuta falsa o offensiva o datata.

  4. Pietro Zanarini

    28/07/2012 alle 08:12

    Nulla di nuovo sotto il sole, viene da dire… La stessa domanda “quantità vs. qualità” la si può porre per i social network, per il web, per internet. Sta a chi legge saper interpretare con intelligenza, anzichè pretendere irrealisticamente che qualcuno gli propini la pappa già predigerita.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This