Legal & Digital Rights

Frequenze TV: nessuna responsabilità individuale per i danni a Europa7 (Passera)

corrado-passera

, Ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti, durante il question time a Montecitorio, rispondendo ad un’interrogazione, ha dichiarato: “non emergono responsabilità, individuali quantomeno dal punto di vista della responsabilità amministrativa”, alla luce delle pronunce dei giudici nazionali e della Corte europea, nell’intricata vicenda processuale che ha portato alla condanna dello Stato italiano al risarcimento di 10 milioni di danni all’emittente , per la mancata concessione di licenze televisive. I giudici avrebbero attribuito, secondo il ministro che ha richiamato alcuni passi della sentenza, i danni al quadro normativo non chiaro e non a comportamenti specifici, gravi e dolosi, di rappresentati degli organi ministeriali.

Antonino Lo Presti (FLpTP), onorevole che aveva chiesto al Ministro quali iniziative intendesse promuovere per rivalersi sui responsabili del danno, non ha trovato soddisfacente la risposta di Passera, giudicata di “stampo meramente burocratico”.

L’intricata vicenda giudiziaria, che si trascina dal 1999, ha avuto una svolta nei mesi scorsi, quando la Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia. La Corte ha ritenuto, infatti, che le autorità italiane avessero violato il diritto alla protezione della proprietà privata dell’emittente, causandogli un danno considerevole. Non avendo predisponendo un adeguato ordinamento legislativo a tutela e non avendo costretto Rete 4 (gruppo Mediaset) a liberare le spettanti ad Europa 7, che non ha potuto così esercitare i propri diritti.

La Corte ha ritenuto, inoltre, che “le autorità italiane non sono riuscite a mettere in atto una legislazione e un contesto amministrativo adeguati a consentire un effettivo pluralismo mediatico“. Violando, così, il diritto alla libertà d’espressione.

Le dichiarazioni di Passera arrivano in una fase delicata e di forte conflitto sulle frequenze TV, dopo che lo stesso Ministro ha assegnato i diritti d’uso definitivi delle frequenze per 20 anni.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This