Market & Business

Yahoo supera le previsioni, ma c’è ancora molto da fare

Yahoo

L’era Mayer sembra iniziare con un piccolo successo: il giorno seguente alla nomina del nuovo CEO, supera le stime degli analisti sul calo dei suoi profitti, che scendono del 4,4% a causa dei costi di ristrutturazione.

A sostenere le entrate della società sono le sue attività in Asia, in particolare gli investimenti in Alibaba Group e Yahoo Hapan, che hanno registrato un +65%, garantendo 180 milioni di dollari alla compagnia.

L’utile netto di Yahoo si attesta a 226,6 milioni di dollari, con un lieve calo rispetto ai 236,97 milioni registrati nello stesso periodo dello scorso anno, lasciando così invariato il profitto per azione, che rimane di 18 centesimi.

Escludendo oneri straordinari per 129,1 milioni di dollari, l’utile per azione e’ di 27 centesimi, risultato che supera le attese degli analisti, che prevedevano un massimo di 23 centesimi.

Il giro d’affari è lievemente calato dello 0,9%, passando dai 1,229 miliardi dell’anno precedente agli 1,217 miliardi di dollari registrati oggi, con un fatturato netto pari a 1,081 miliardi, in crescita su base annua rispetto agli 1,076 miliardi dello stesso periodo nel 2011, ed un margine operativo in calo dal 15,5 al 4,5%.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This