Media

Quali sono le news più popolari su YouTube?

youtube

Quali sono le più popolari su ? Il Project for Excellence in Journalism del Pew Research Center ha analizzato per 15 mesi le news più popolari nella piattaforma per cercare di riscontrarne le caratteristiche.

Una caratteristica emerge chiaramente, le immagini drammatiche riscuotono un grande successo. Dopo il disastroso terremoto in Giappone, i 20 video legati all’attualità più visti riguardavano tutti il disastro e in soli 7 giorni sono stati visti 96 milioni di volte.

Il terremoto non è di certo un caso unico, YouTube diventa sempre di più una fonte di notizie. Nei quindi mesi dello studio (2011 ed inizio 2012), in cinque casi il termine più ricercato del mese riguardava un fatto di attualità. E in generale le notizie più popolari riguardano disastri e sconvolgimenti politici, con immagini ad alto impatto. Le tre notizie più popolari a livello mondiale, nel periodo esaminato, sono state infatti: il terremoto in Giappone, le elezioni in Russia e i disordini in Medio Oriente.

L’elemento visivo riveste evidentemente un’importanza centrale. Circa il 35% delle notizie più popolari aveva un forte impatto visivo. Tematiche controverse ottengono un successo quasi altrettanto forte (31.2%). Seguono, con il 18%, new che contengono elementi umoristici o divertenti.

La differenza principale tra news popolari su YouTube e news televisive risulta essere una minore personalizzazione e un ruolo minore di personaggi politici noti, star o similari. Il 65% delle notizie più popolari non riguardava, infatti, nessun individuo in particolare e nessun singolo personaggio è presente in più del 4.2% dei video di successo (Barack Obama).

In generale, confrontando le tematiche delle notizie diffuse dai notiziari televisivi e quelle delle video news più popolari su YouTube, se si esclude l’elemento comune della forte presenza di disastri, le selezioni risultano molto differenti.

Per quanto riguarda la lunghezza delle news, quasi il 50% dei filmati più popolari ricade sotto i due minuti e il 28.8% addirittura sotto l’uno, con una netta preferenza per notizie brevi. Ma questo non significa che video di maggior lunghezza non riscuotano successo, tanto che la fascia 2-5 minuti è quella in cui ricadono un numero maggiore delle news più popolari (32.7%).

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare la maggioranza (58%) dei video di attualità più popolari sono stati in qualche modo editati, anche se i video in presa diretta, senza alcuna forma di lavorazione, rappresentano la quota maggiore (61%) dei video di successo prodotti da singoli individui, e non da redazioni giornalistiche, e complessivamente rappresentano il 42% delle notizie più popolari.

Il ruolo di singoli cittadini nell’ecosistema delle video news di YouTube è davvero centrale sia in quanto produttori di notizie, sia in quanto propositori di notizie di organizzazioni giornalistiche. Il 39.2% dei video più visti nel periodo preso in esame era stato prodotto da singoli. Inoltre, le news giornalistiche spesso incorporavano video non professionali. I singoli cittadini hanno un ruolo centrale anche per quanto riguarda il caricamento dei video nella piattaforma. Le redazioni sono responsabili della produzione di un numero maggiore di notizie popolari, ma spesso queste vengono postate da singoli individui e non dall’organizzazioni stessa (4 su 10 dei video professionali più popolari erano stati caricati dai cittadini). Tanto che video caricati da utenti “comuni” rappresentano il 64% delle news più popolari.

Lo studio del Project for Excellence in Journalism traccia un panorama ben più complesso di quello che si poteva immaginare e getta luce sulla crescente capacità dei cittadini di “influenzare” l’agenda politica e mediatica tramite la piattaforma.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: YouTube sfoca i volti per proteggere la privacy e l’identità | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This