eBusiness

The Fancy: paga gli utenti che generano vendite

the-fancy-app

The , il sito ibrido di condivisione immagini, a metà strada tra un social network come ed un sito di , introduce ora una grossa novità.

Gli utenti che condivideranno la propria passione per un prodotto, potranno ricevere una parte del denaro generato dall’eventuale vendita. Ogni volta che condivideranno contenuti su prodotti o servizi, riceveranno un link in cui sarà presente un codice referral unico. Se un altro consumatore effettuerà l’acquisto di quel prodotto, dopo essere giunto sul sito attraverso quel link, l’utente iniziale riceverà entro 30 giorni il 2% del prezzo pagato.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di “far evolvere il modo in cui opera il social commerce“, ha spiegato il fondatore del servizio Joseph Einhorn. “Vogliamo premiare gli utenti che creano valore per noi curando i loro articoli preferiti e aiutando gli altri a scoprire cose nuove.”

Einhorn, in una seconda dichiarazione, ha sottolineato la necessità di remunerare gli utenti che producono una grossa parte dei contenuti web: “Non so per quanto tempo potremo vivere in un mondo in cui gli utenti generano tutti i contenuti, ma non traggono alcun beneficio al di là della soddisfazione dell’ ego.

Di certo i tanti blogger e utenti di social media attenti alla moda, ai brand e ai prodotti di largo consumo, saranno felici di incrementare il successo di The Fancy traendone vantaggio a loro volta.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Fabrizio

    11/07/2012 alle 00:18

    Non mi sembra una grande idea.

    Pagare per ricevere apprezzamenti su un prodotto significa squalificare lo strumento di condivisione a banale MARCHETTA.

    In questo modo si vanifica uno degli strumenti di promozione e di vendita più efficaci: il passaparola. Qualcosa che non si può certo creare a tavolino, nè tantomeno PAGARE perché funziona solo se le parti in causa sono disinteressate.

    In più credo che con un sistema simile i primi ad essere danneggiati sarebbero proprio coloro che Fancy vorrebbe “ingaggiare” ossia i “produttori di contenuti” (blogger, influencer, ecc). Chi recensisce, consiglia e diffonde i prodotti su blog e social network, infatti, trae profitto grazie alla propria reputazione e alla credibilità delle sue affermazioni. Se domani sarà pagato cash per parlare di un prodotto, non sarà più credibile di Giorgio Mastrota quando vende materassi in TV.

    Dare un prezzo ai gusti e alle opinione significa svuotarle di ogni valore e renderle assolutamente inefficaci.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This