Market & Business

Esame di coscienza per Morgan Stanley sulle azioni Facebook

Morgan Stanley

, la banca che ha accompagnato Facebook nel suo sbarco all’indice Nasdaq, ha pubblicato il suo primo rapporto di ricerca sul titolo questa mattina. I risultati che ha presentato non lasceranno un sorriso sul volto dei propri clienti.

Secondo l’analista Scott Devitt e il suo team di ricerca, il prezzo di partenza del titolo del social network sarebbe stato sovrastimato, e classifica le azioni come “overweight”. Solo tra 12 mesi, prevede Devitt, le azioni varranno 38 dollari per quota; cioè il prezzo di partenza fissato per l’.

Una chiara ammissione quella che arriva da Devitt, che evidenzia lo sbaglio degli investitori della prima ora, i quali hanno speso cifre uguali o superiori ai 38 dollari per azione. Ma così facendo hanno commesso un errore che potrà essere riparato, sempre secondo le stime dell’analista, nell’arco di un anno.

Un’analisi imbarazzante per i banchieri di Morgan Stanley, che hanno venduto ai loro clienti le azioni di proponendole come un affare, ma allo stesso tempo dimostra la serietà dell’organizzazione e l’indipendenza di visioni al suo interno.

Devitt riporta in una nota la previsione secondo la quale: “le entrate di Facebook cresceranno moderatamente, in seguito ad un approccio misurato per aumentare il suo impegno sul mobile. I ricavi pubblicitari cresceranno sensibilmente (si stima di un +31%) in modo più veloce dei pagamenti in entrata (che segneranno un +17%)”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This