#FollowFriday

#FollowFriday: l’employer branding secondo Davide Scialpi

follow-friday2
Speaker e Consulente è CEO di Reinventa Dee Oceans LTD

È venerdì, ed eccoci con il nostro appuntamento settimanale, pronti a scoprire una nuova top-list di #FollowFriday, la rubrica di TechEconomy che propone i più interessanti profili Twitter da seguire secondo i suggerimenti di competenti opinion leader.

Oggi, ampio spazio all’employer branding, tema ancora poco battuto in Italia, ma di estrema importanza in ambito manageriale.

Ad individuare i migliori profili italiani, per noi, sarà Davide Scialpi, esperto e consulente nell’ambito dell’employer branding in mercati quali Regno Unito, USA ed Asia-Pacific, tra i più avanzati e competitivi a riguardo. Per chiunque volesse conoscere in maniera più approfondita quanto la qualità interna all’azienda sia decisiva per raggiungere l’eccellenza nei risultati, questa è una lista davvero imperdibile. A maggior ragione se si considera, come accennato, che gli esperti italiani sono più unici che rari.

L’Italia, in questo campo, rappresenta uno dei paesi più arretrati in assoluto, anche a causa del fatto che l’employer branding è una delle discipline manageriali più innovative e complesse in assoluto, e che praticamente richiede competenze trasversali ed articolate per possederla. Chi vi si trova ad operare in Italia non sa, nella maggior parte dei casi, nemmeno cos’è Twitter; in altri, ne parla senza conoscerne le dinamiche, e in altri ancora ne è spaventato e vi rifugge.

I seguenti, sono cinque profili da seguire per capirne di più relativamente alle dinamiche dell’employer branding dal punto di vista sociologico, macroeconomico, aziendale e da quello legato al placement universitario”.

Carlo Duraturo (@Duraturo)

Working with HR, Communication. Interested in Recruiting and Retention. Global Account Director at Universum. Specialized in Employer Branding – http://www.duraturo.co

È un Globe Trotter italo-norvegese che aiuta aziende di grandi dimensioni di tutto il mondo, come consulente, a lavorare sulla parte più importante e propedeutica del processo di employer branding, ovvero l’analisi della percezione del proprio brand come luogo di lavoro. Si occupa anche del mercato italiano. I suoi tweet in materia sono pregni di pragmatismo in quanto riporta l’esperienza che vive, sente e assorbe giornalmente nel lavoro al fianco di manager delle cosiddette aziende Fortune 500 di tutto il globo, nessun paese escluso. Da seguire obbligatoriamente.

Universum Global (@universum_eb)

Global leader in Employer Branding. Our mission is to connect employers & top talent – http://www.universumglobal.com

È il gruppo svedese leader al mondo nel campo dell’employer branding, presente in tutti i paesi, Italia compresa. Da anni si occupa di scoprire quali sono le percezioni, le aspettative e gli atteggiamenti del mercato del lavoro verso studenti universitari talentuosi e non solo. Effettua ricerca all’interno delle nostre università, dalla Bocconi alla Luiss, da Trento alla Sapienza, e stabilisce quali sono le aziende più attrattive dove lavorare. Sono dipendente dai loro tweet, che riportano dati di mercato fondamentali per prendere decisioni strategiche di livello sul piano operativo. Vitale per avere un senso di orientamento attendibile e credibile in questo campo.

eFinancialCareers.it (@efc_it)

eFinancialCareers è la rete numero uno al mondo per opportunità di lavoro e gestione delle carriere al servizio della comunità finanziaria globale – http://www.efinancialcareers.it

È il job board numero uno in assoluto per la carriera nel mondo della finanza italiana. I loro tweet descrivono e aggiornano con precisione certosina la situazione del mercato del lavoro in questo ambito, e le prassi nella gestione dei dipendenti delle società operanti in campo finanziario: da banche commerciali a banche di investimento, fino ad arrivare a società di consulenza. Per chi sogna un’occupazione in banca o nella finanza – e l’Italia ne è piena di persone che vi ambiscono – questo è un profilo da seguire per ottenere informazione pregiata.

Marie-Caroline Baron (@LorealCarriere)

Marie-Caroline Baron, Recruiter Specialist, è su Twitter per farvi conoscere L’Oréal e le opportunità che il gruppo offre! – http://www.facebook.com/pages/LOreal-Italia-Business-for-Beauty/100053640098

È il profilo ufficiale di L’Oréal Italia, attraverso il quale i recruiter dell’azienda raccontano in modo creativo e non convenzionale cosa vuol dire lavorare in L’Oréal Italia. Sono sempre attivi e sono stati i primi a crederci da questo punto di vista. Quindi ne va dato atto, sia per la mancanza di paura, sia per la voglia di sperimentare, che diventa pari a quella di aziende d’oltreoceano, che arrivano sulla carta sempre prima degli altri. Seguirli aiuta a capire che le aziende sono fatte di persone, e che dietro queste persone ci sono delle storie che costituiscono l’identità dell’azienda stessa. Quindi, in altre parole, non solo comunicazione di marchi, prodotti o loghi, e di prendi 3 e paghi 2.

 Ivan Ciceri (@iciceri)

Corporate Relations Manager – Career Service Politecnico di Milano – http://www.careerservice.polimi.it

Si occupa di sviluppare per il Politecnico di Milano progetti di employer branding on campus, andando incontro da un lato alle esigenze delle aziende che ricercano sempre più in maniera verticale profili di spessore, prima ancora che questi diventino ingegneri, e dall’altro alle esigenze degli studenti di trovare occupazione nel modo più rapido ed efficace possibile, anche e soprattutto all’estero.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This