In Controluce

Una nuova “legge 150”: La mettiamo in Agenda (Digitale)?

ferpi
Questo è il testo di un articolo scritto “a sei mani” con Ernesto Belisario e Giovanni Patanè, ed appena pubblicato anche nel sito FERPI. A noi sembra una bella opportunità. E voi che ne dite?

Gli ultimi dieci anni, complici il definitivo sviluppo di internet ed il boom dei social media, hanno letteralmente rivoluzionato il modo di fare comunicazione. Ma anche e soprattutto di concepire il ruolo, i processi e – naturalmente – le professioni che a tale mondo fanno riferimento. Nessuno meglio di chi agisce e vive in questo ambito può infatti rendersi conto della velocità con la quale tale mondo muta e si evolve. Non è ardito affermare che un professionista che sia rimasto fermo a 10 anni fa oggi ha un profilo di competenze che è completamente inadeguato ad affrontare i problemi che quotidianamente si pongono a chi gestisce la complessa macchina della comunicazione.
Non fa eccezione, ovviamente, la comunicazione della Pubblica Amministrazione. Con l’aggravante che il mondo della PA, mai come ora sta vivendo una congiuntura complessa, portata dal combinato disposto di diversi fattori: il cambiamento veloce dello scenario di riferimento, la contrazione dei budget che – complice il patto di stabilità – vivono un processo di erosione continua e drammatica (come non ricordare in tal senso la Finanziaria 2010?), lo scenario normativo ormai inadeguato. Ma se sui primi due punti poco si può fare, non vale lo stesso per il terzo.
La riforma della Comunicazione Pubblica è ormai una necessità ineludibile e non è un mistero per nessuno che la , concepita ormai oltre 12 anni fa, vada rivista profondamente. Da una parte le nuove dinamiche di comunicazione, dall’altra gli impatti che esse hanno sulla struttura organizzativa e sul sistema di responsabilità e competenze dei comunicatori pubblici rendono impensabile continuare ad agire con un assetto legislativo concepito in un mondo in cui il termine Social Media era sconosciuto ai più. E d’altro canto – rimandando forse ad altre occasioni una revisione complessiva dell’impianto della 150/2000 – non servirebbe molto per adeguarla al cambiamento apportato in tal senso dal Web 2.0.
Soprattutto in considerazione del fatto che abbiamo oggi una grande opportunità: l’.
Perché non prevedere nell’ambito dei lavori della cabina di regia quelle modifiche che avrebbero la possibilità di rendere la 150 più attuale? Perché non introdurre i nuovi profili di competenza e le nuove responsabilità del comunicatore pubblico nel contesto del pacchetto di provvedimenti che – in ultima analisi – riguarda proprio gli impatti del digitale sul nostro Paese? Perché non lavorare ad un “Decreto Digitalia”, approfittando del suo probabile slittamento, che al suo interno preveda anche di far si che la Pubblica Amministrazione, nella gestione dei suoi processi di comunicazione, prenda atto dell’esistenza di una realtà – la Rete – che solo in Italia vede attive quotidianamente oltre 15 milioni di persone?
Quello che servirebbe è un intervento normativo preciso ma snello, che – destinato a durare – non diventi obsoleto dopo pochi mesi. Non occorre per questo un’altra legge sul Web, ma sarebbe necessaria una veloce modifica delle norme sulla comunicazione pubblica che consenta ai comunicatori della P.A. di non vivere il continuo processo di cambiamento di questo mondo come una criticità derivante da norme superate. Farlo è una grande un’opportunità. Non farlo sarebbe una incomprensibile omissione.

Chief Editor di TechEconomy.
Docente universitario, giornalista, advisor per le Nazioni Unite.

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Mauro Nasi

    15/06/2012 alle 16:12

    Una legge mai applicata (e senza sanzioni) di fatto non esiste. Quindi modificarla o meno è un falso problema

  2. Francesca Sensini

    15/06/2012 alle 16:43

    Senza sanzioni? Vorrei ricordare che nello scorso 2011 il Tribunale di Trani ha riconosciuto una PO di un funzionario URP proprio in virtù e in nome della legge 150/2000. Per citare solo l’ultimo, eclatante esempio di applicazione :))

  3. Mauro Nasi

    16/06/2012 alle 17:08

    senza sanzioni per chi non la applica e per chi ostacola l’individuazione e la regolamentazione dei profili professionali http://www.fnsi.it/Esterne/Fvediuffstampa.asp?AKey=14551

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This