Legal & Digital Rights

In UK si riapre il caso Street View, l’ICO interroga Google

I problemi di derivanti dal suo progetto sembrano non finire mai: dopo la sanzione per aver raccolto dati dalle reti wi-fi private non protette, e le scuse della compagnia che ha ribadito la non volontarietà di quanto accaduto, il caso sembrava essere chiuso.

Ma oggi l’Information Commissioner’s Office inglese ha deciso di riaprire tale fascicolo, essendo venuto a conoscenza di alcuni rapporti che indicano come l’anonimo ingegnere di Google coinvolto nella vicenda avrebbe deliberatamente aggiunto al software il codice per ottenere questi dati, ed ha così chiesto maggiori informazioni alla società.

Le richieste inviate a Mountain View riguarderebbero la tipologia precisa dei dati che sono stati raccolti, le tempistiche con cui manager di Google sono venuti a conoscenza di tale problema e le modalità con cui è stata gestita la vicenda internamente alla compagnia.

Un portavoce di Google ha dichiarato che la società è “felice di rispondere alle domande dell’ICO”, ribadendo come “i responsabili del progetto non volevano utilizzare i dati illegalmente raccolti che, infatti, non sono mai stati visualizzati”.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

Inizio
Share This