Market & Business

Tim Cook rinuncia alla sua quota di 75 ml di dividendi Apple

aveva recentemente annunciato in un comunicato stampa la distribuzione dei dividendi, scelta che ha reso felici tutti i dipendenti della società, che verranno pagati tramite le RSU (restricted stock units), tranne uno che, a sorpresa, ha deciso di rinunciare alla sua parte.

E stiamo parlando proprio dell’amministratore delegato della società, : il CEO di Apple, secondo quanto dichiarato in una nota ufficiale della compagnia, rinuncerà ai dividendi che gli spetterebbero, stimati intorno ai 75 milioni di dollari, derivati da 1 milione e 125 mila quote in suo possesso. Cook avrebbe espressamente richiesto che nessuna delle vincolate in suo possesso partecipasse alla distribuzione di dividendi, che dovrebbe essere avviata a partire dal 1 Luglio.

Una scelta spontanea che vuole rispondere alle polemiche nate in seguito ai rapporti sulle condizioni di lavoro degli operai cinesi che assemblano i prodotti Apple nel Paese asiatico, e la sproporzione dei loro salari rispetto a quelli dei dirigenti della compagnia; una mossa, quella di Cook, che secondo il professor Stephen Davis dell’Università di Yale, farebbe parte di una strategia per rilanciare l’immagine della società di Cupertino e sottolineare al pubblico sulla sua attenzione verso i temi sociali.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This