#FollowFriday

#FollowFriday: il mondo delle startup secondo Alberto D’Ottavi

follow-friday

Alberto D'Ottavi è co-founder di Blomming, la prima piattaforma di social commerce in Italia e tra le prime in Europa. E’ esperto di innovazione digitale, giornalista, blogger e docente presso la Nuova Accademia di Belle Arti

Nuovo appuntamento con #FollowFriday, la rubrica dedicata ai più interessanti account Twitter da seguire secondo il parere degli esperti. Oggi si parla delle , tema purtroppo poco battuto a livello nazionale, ma sempre di grande attualità. A suggerire i profili più interessanti da seguire, questo venerdì, è Alberto D’Ottavi, imprenditore e co-fondatore della startup Blomming. I suoi consigli si riveleranno utilissimi per chi volesse avviare una propria impresa o, più semplicemente, informarsi sulle ultime novità del settore nel panorama italiano.

Non è stato facilissimo individuare cinque account Twitter che parlino di startup in Italia. Ad ogni modo, occorre ricordare che, a differenza di Facebook, su Twitter è tutto pubblico, ed è possibile leggere tweet anche di account che non si seguono. Quindi, basta iniziare a cercare degli hashtag interessanti, come il classico #startup, o quelli che vengono generati in occasione di eventi dedicati. Lì si trovano gli account più interessanti: sono quelli degli startupper! Nessuno può insegnare meglio di chi sta facendo e sperimentando. Per cui, seguite le startup e gli imprenditori italiani, vi divertirete!

 

 Italia Startup (@Italia_Startup)

Il futuro dell’Italia passa dalle startup. Le startup italiane passano da qui – http://www.italiastartup.it/

Avviato dalla neonata task force del Ministro Passera, questo account è da seguire assolutamente, per un doppio motivo: per quello che scrive e per quello che fa. O, meglio, per controllare se farà ciò che ha promesso.

 

 Marco Magnocavallo (@magno)

Marco Magnocavallo, serial entrepreneur, founder Blogo. Now angel investor and Venture Partner @ Principia SGR – http://www.magno.me/

In Italia, esiste uno sparuto gruppetto di investor, angel, fondi e società di venture capital, ma raramente creano contenuti originali ed utili. Certo, ci sono le eccezioni, e Marco Magnocavallo è una di queste. Col suo account, e con la sua newsletter Wikli, diffonde informazioni sempre interessanti sull’Italia e sul mondo.

 

Wired Italia (@wireditalia)

http://www.wired.it/

La copertura del mondo delle startup italiane da parte delle testate giornalistiche è abbastanza deludente, ma qualcosa sta iniziando a muoversi. Una testata che ha sempre avuto un occhio di riguardo è Wired Italia, che sul sito ha addirittura una sezione dedicata, Italian Valley.

 

  Startupbusiness (@startupbusiness)

Startupbusiness is the Italian community of innovation: startups, enterprises, investors, incubators, scientific parks, universities, institutions – http://it.startupbusiness.it/

Da seguire assolutamente lo “storico” @startupbusiness, account del primo network italiano di rilievo tra startup, imprenditori affermati, investitori e fondi. Offre un ottimo mix tra notizie italiane, internazionali e, soprattutto, rilancia anche le nuove startup, quelle “piccole”, che hanno bisogno di aiuto.

ItalianStartupScene (@itstartupscene)

Links to the discussions of the Italian Startup Scene Facebook group. This Twitter proxy is brought to you by @matteocollinahttp://twitter.com/itstartupscene

Un vero “must” è l’account Twitter del gruppo Italian Startup Scene, attivo su Facebook. In questo gruppo, i nuovi imprenditori si scambiano informazioni tra loro, ed è probabilmente la risorsa pratica più utile per chi vuole iniziare.

 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This