Legal & Digital Rights

UE: ultimatum dell’antitrust a Google

Joaquin Almunia - UE Antitrust

L’Unione Europea offre un’ultima possibilità a per eliminare il rischio di abuso di posizione dominante.

Joaquin Almunia, commissario , nel corso di una breve conferenza stampa, ha confermato di aver inviato una lettera alla società americana nella quale si chiede a Google di presentare, entro un paio di settimane, proposte operative concrete per eliminare il possibile abbuso di posizione dominante da parte del motore di ricerca.

L’indagine della Commisione Europea è in corso dal 2010 ed era partita da 16 diverse denunce. Dopo 18 mesi la commissione avrebbe riscontrato 4 aree dove il gigante Usa potrebbe star abusando della propria posizione di forza sui mercati.

La prima tematica che preoccupa la commissione è relativa all’inclusione dei servizi Google nei risultati di ricerca. La commissione ritiene che nel comportamento della società si possano ravvisare elementi che indicano un trattamento preferenziale di servizi come Google map, image, e news. Almunia sostiene, inoltre, che esistano preoccuapzioni rispetto a possibili contenuti copiati ed indicizzati da Google, prelevandoli da servizi specializzati in ricerche spefiche come ristoranti o viaggi.

Le ultime due aree, in cui la commissione ritiene che il motore di ricerca potrebbe star abusando della propria posizione, riguardano l’advertising. Google starebbe rendendo difficile sia per i siti web che per gli inserzionisti utilizzare servizi diversi dal search advertising della società e da AdWords o spostarsi su altri motori di ricerca.

Almunia sottolinea la volontà della Commissione di evitare lunghi procedimenti e la volontà di risolvere la questione in maniera negoziale; anche per la disponibilità a collaborare che più volte gli sarebbe stata espressa da Google. Il commissario avverte, però, che, in assenza di adeguati correttivi presentati da Google e da testare sul mercato, sarà la Commissione a decidere quali interventi imporre per sanare la situazione.

Al Verney, portavoce Google, ha dichiarato che la compagnia “non è d’accordo con le conclusioni” della Commisone “ma siamo felice di discutere qualsiasi preoccupazione possano avere.” Non è chiaro dalla dichiarazione se la società intende presentare una proposta reale o semplicemente prolungare la discussione.

Almunia ha, inoltre, avvertito che, anche in caso di risoluzione della questione, resterebbe sul tavolo della commissione un’indagine aperta riguardo Android.

3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Pingback: UE: ultimatum definitivo a Google | Tech Economy

  2. Pingback: Google: prova a chiudere la disputa con l'antitrust europeo | Tech Economy

  3. Pingback: UE: nuovo ultimatum a Goggle | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This