ICT & Telco

Microsoft migliora Bing con l’aiuto di Zuckerberg

Bing

Lo sbarco in Borsa di Facebook non porterà vantaggi (insieme a cospicue entrate finanziarie nelle casse della società) solamente al celebre social network: tutti gli attori in qualche modo legati alla compagnia, che si appresta a rilasciare le sue azioni sul mercato, godranno di una spinta dall’IPO.

Tra questi c’è , che detiene una quota del social network, e spera nell’aiuto di per rilanciare , il suo motore di ricerca, ed affermarsi così sul mercato togliendo margine allo strapotere di Google nel settore.

La compagnia di Redmond ha infatti annunciato che introdurrà una serie di modifiche a Bing, finalizzate a rendere i risultati delle ricerche sempre più aderenti alle richieste degli utenti e, tra i tanti miglioramenti attesi, uno in particolare riguarderà strettamente Facebook.

Infatti la nuova schermata dei risultati risulterà suddivisa in tre sezioni: la prima parte, più ampia, riporterà gli attuali link della SERP, una colonna centrale suggerirà ulteriori informazioni, come i punti sulle mappe, mentre un terzo frame sarà dedicato ai contenuti pubblicati dai propri amici su facebook che trattano l’argomento della query, con i loro nomi ed il numero di “like”.

La sinergia e forte connessione che si prospetta nascerà tra Facebook e Bing sottolinea come Microsoft intenda utilizzare le sempre maggiori opportunità offerte dal social network per migliorare il suo motore di ricerca; si tratta anche di un segnale di come le due compagnie si muovano per fronteggiare Google, da sempre leader nel settore delle ricerche sul web, e la sua piattaforma social, Google Plus.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This