Letti da fuori

Consigli per scegliere un avatar

AVATAR

È quella robina lì. Quella fotina o immaginetta che comparirà in capo alla vostra pagina di , o su . E poi vi perseguiterà, perché si materializzerà anche di lato in tutte le chat, i dm di Twitter. Dove ci sarete voi, sbucherà anche lui: il vostro , ovvero il “te stesso” che sarà la vostra immagine su internet.
Si vede di tutto, negli avatar: personaggi dei fumetti, immagini di bimbi sorridenti anche se il proprietario ormai ha superato abbondantemente la soglia degli anta, divi del cinema, Simpson e foto “simpsonizzate”, maliarde che sembrano uscite da un calendario, pose da top model o autoscatti al mare imbarazzanti. Finché uno usa i social network solo per diletto personale, e quindi non sono per lui uno strumento di lavoro, va bene tutto: in fondo è un gioco e persino la foto più orribile può risultare simpaticamente goffa. Se però poi il vostro profilo può essere letto anche da colleghi, capi ufficio, clienti e altro, prima di scegliere l’avatar è bene fare un paio di considerazioni.

  1. No al modello “epigrafe funebre
    Ok, volete dare l’idea che siete seri ed affidabili e sobri. Ma per farlo non serve che scegliate la foto di risulta della carta d’identità, quella in cui nemmeno il doganiere vi riconoscerebbe, tanto il sorriso è tirato e l’occhio da pesce lesso. Altrimenti l’effetto lapide quando uno apre la vostra pagina è assicurato. Investite due euro e, se proprio non avete un amico che vi ha scattato una foto decente in tanti anni di frequentazione, fatevene fare una da un fotografo.
  2. No alla foto di coppia
    È la vostra pagina di Facebook, santa pazienza! Mariti/mogli/compagni e amanti si facciano la pagina loro con la loro foto. La foto di coppia nell’avatar comunica insicurezza: o voi volete dimostrare a tutti i costi che siete stati in grado di trovarvi un compagno (e quindi siete fondamentalmente molto insicuri ed ansiosi) o ne avete trovato uno tanto geloso che vi impone di segnalare subito la sua esistenza, e quindi tendenzialmente siete uno/a che accetta tutto, anche un rompiballe, pur di non rimanere solo. Esistono la voci “fidanzato” “sposato” etc. nel menù di Facebook: per segnalare che siete felicemente impegnati con qualcuno bastano quelle. Se invece la vostra dolce metà vi impone di inserirlo/a nella foto del vostro avatar dimostra una patologica mania di controllo, e il possibile datore di lavoro già si domanda quante grane pianterà la prima volta che vi viene proposto un viaggio o un periodo lontano da casa. Pessima impressione, insomma.
  3. No alla foto da maliarda (o maliardo)
    Soprattutto se ritoccata pesantemente con Photoshop.
    Tanto poi vi vedono dal vero. Per le donne, no alla posa da calendario sexy. Tenete conto che è il vostro biglietto da visita, non è il caso di farvi vedere subito in bikini o in mutande. A meno che non aspiriate a lavori che lo prevedano. Nel qual caso, ok.
  4. No alla foto sciatta e a quella troppo patinata
    La foto sciatta non comunica, come credete voi, che ve ne fregate delle apparenze, ma solo che non sapete scattare o scegliere una foto ben fatta; quindi lasciate stare quelle sfocate, scentrate o semplicemente brutte. Se vi piacciono mettetele in qualche album. Allo stesso modo, no alle foto troppo professionali, a meno che non siate un modello/modella o uno che lavora nello spettacolo. Una foto “decente” e normale, o sembrerete uno che si candida perpetuamente ad entrare al Grande Fratello.
  5. No alla foto presa mentre eravate alla festa di carnevale/laurea/Halloween completamente sbronzi e travestiti da Harry Potter.
  6. No alla foto del divo del cinema preferito
    Rassegnatevi, non siete e non sarete mai Audrey Hepburn o Johnny Depp.
  7. No alle foto da neonato
    Siete cresciuti, nel frattempo, fatevene una ragione.
  8. Sì alla caricatura, se ben fatta, magari da un amico disegnatore.
  9. Sì all’autoscatto, soprattutto se l’espressione viene sveglia e spiritosa.
  10. Sì alla foto “simpsonizzata”
    E’ simpatica. Può essere che non piaccia a qualche possibile datore di lavoro, ok. Ma voi andreste mai a lavorare per uno che detesta i Simpson?
Mariangela Vaglio

Insegnante, Blogger e Giornalista, Mariangela Vaglio è nota in rete come “Galatea”. Nel suo blog riflette su costumi, abitudini, vizi e virtù degli italiani in rete. Lo stesso fa per TechEconomy.

Facebook Twitter 

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

4 Comments

  1. Mara Celani

    09/05/2012 alle 15:44

    Che Dio ti benedica. Sante parole.

  2. Heresiae

    09/05/2012 alle 17:01

    a parte che devo ancora capire per quale istinto masochista la gente lascia i propri profili aperti anche a colleghi e superiori, la mia regola principale è: no alla propria foto nell’avatar.
    però concordo su tutto, anche perché da quando FB ha introdotto questa insana abitudine di essere nel web quello che si è nella vita vera, un minimo di decenza bisogna darsela proprio a partire dall’avatar.

  3. vale

    09/05/2012 alle 20:09

    io ho risolto diversamente: non sono su facebook!

  4. diegod56

    10/05/2012 alle 09:28

    un articolo spiritoso ed interessante

    l’unico rilievo, doloroso, la faccenda dell’amico disegnatore

    io sono un grafico, brutto mestiere, perchè gli amici, di solito, chissà perchè, pensano che tu lavori gratis

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This