Legal & Digital Rights

Google vs Oracle: 2010 in perdita per Android

Android

Nella battaglia legale tra e sulla violazione del copyright ed i brevetti sulla piattaforma Java usati in maniera irregolare, sembra  emergere un particolare retroscena che riguarda . La compagnia di Mountain View si è sempre dimostrata molto cauta sul diffondere i dati finanziari relativi al suo sistema operativo mobile, lasciando agli analisti la stima del business che ruota intorno a questo suo prodotto.

Il motivo alla base potrebbe essere semplice quanto inaspettato per molti: dalla lettura di alcuni documenti forniti da Google, il giudice William Alsup ha dichiarato che la piattaforma Android ha prodotto una perdita netta per ogni trimestre del 2010, e “una grande perdita per l’intero anno”, seppur ha generato circa 97,7 milioni dollari di fatturato nel Q1 del 2010.

Al di là delle stime sugli effettivi guadagni derivati da Android, che assumeranno un peso fondamentale nella decisione finale del giudice sul processo con Oracle, è curioso decifrare le intenzioni di Google nel portare avanti un business in costante perdita.

Sebbene le cifre riportate nei documenti sul 2010 abbiano rivelato una perdita di 113 milioni per quell’anno, si stima che Android dovrebbe avere generato profitti per 64 milioni nel 2011, garantirà 248 milioni entro la fine del 2012 e per  il 2013 gli analisti attendono ben 548 dollari, che deriveranno in piccola parte dalla pubblicità, ma soprattutto, in maniera crescente, provenienti dalla vendita delle applicazioni.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: USA: Google ha violato i brevetti Java di Oracle | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This