Market & Business

Microsoft apre all’Open Source (ma solo un dipartimento)

Microsoft

Quello che a molti può sembrare un ossimoro, nel momento in cui si accosta il nome del colosso di Redmond alla filosofia , è invece una realtà che sta prendendo una forma sempre più chiara e ufficiale.

ha infatti avviato una nuova filiale per gli standard open-source chiamata “Microsoft Open Technologies Incorporated“. Il nuovo dipartimento nella sua fase iniziale sarà composto dai 50 ai 75 dipendenti.

La scelta è motivata da necessità concrete dell’azienda:   Microsoft deve lavorare con standard open source per supportare i molti clienti che utilizzano i server di Redmond insieme con server open source  che eseguono sistemi operativi  come UNIX o .

Per questo motivo Microsoft è molto attiva nella comunità open source: da poco l’azienda ha stilato un elenco dei migliori collaboratori al kernel open source Linux, ed il Presidente della nuova filiale, Jean Paoli, ha sottolineato in un’intervista per GeekWire come la compagnia e le sue divisioni continueranno a lavorare sugli standard open-source: 

“Crediamo che questo  dipartimento offrirà una garanzia di impegno rinnovato da parte della nostra azienda all’interno della comunità open-source, in modo più chiaro e definito, creando un ponte tra i sistemi Microsoft e gli altri standard”. 

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This