#EpicFail

#BoldiCapra: quando un vip perde le staffe su Twitter

Massimo Boldi Twitter

Da qualche mese a questa parte i vip italiani sono sbarcati in massa tu , raccogliendo frotte di follower e collezionando, nella maggior parte dei casi, tante figuracce. C’è Bobo Vieri, che cinguetta alla ex Elisabetta Canalis quanto sia faticoso fare il ballerino a Ballando con le stelle e c’è Rita Dalla Chiesa, che durante la nevicata di Roma si è fatta infinocchiare da un fake di Alemanno che si è offerto di inviarle in soccorso Er Paletta per pulire il vialetto di casa. Ci sono le varie starlette della tv, che accompagnano ai propri tweet scatti civettuoli e c’è Fiorello, un habitué dei Trending Topic italiani che però, a volte, prima si arrabbia e poi sparisce.

E c’è anche . Che non sembra proprio avere un buon feeling con l’uccellino blu, almeno a giudicare dal botta e risposta avuto con un utente pochi giorni fa:

Lo scambio di battute tra Boldi e tal Giuseppe non è passato inosservato e in capo a pochissimi minuti è scoppiata la rivolta:

Trenta minuti dopo, era già in cima alla lista dei Trending Topic e Cipollino è stato per ore oggetto del dileggio degli utenti:

Non tutti però sono stati al gioco, e qualcuno ha visto in #BoldiCapra un coacervo di volgarità gratuite, poco dissimili dalle esternazioni poco educate dell’attore:

Al di là dell’iniziale provocazione di @sanfra1407, della reazione esagerata di Boldi e della seguente rappresaglia degli utenti, vanno fatte almeno tre considerazioni:

Twitter (il in generale) è uno spazio pubblico, e come tale è soggetto alle stesse regole di comportamento che dovremmo osservare anche nel mondo offline. Come nel mondo fisico, insultare le persone è possibile ma scarsamente tollerato. A maggior ragione, se si è un personaggio pubblico si ha automaticamente un riflettore puntato addosso. I Vip che decidono di stare online dovrebbero prima di tutto riconoscere la completa pubblicità di ogni conversazione che avviene sul Web, ed essere coscienti del fatto che ogni loro dichiarazione può essere accessibile da chiunque, con tutte le implicazioni reputazionali del caso. La differenza è che i , e Twitter in paricolare, hanno fatto cadere quella barriera tipica dei media Top-Down: se Boldi avesse dato della capra a qualcuno davanti alle telecamere non ci sarebbe stata nessuna immediata reazione da parte del diretto interessato. Twitter, invece, permette un’interazione molto più diretta e veloce: da qui, il fenomeno #BoldiCapra.

– Perdere le staffe sul Web non è bello. Quando un Vip sbrocca su Twitter, o su un altro social media, l’effetto viene amplificato in modo esponenziale, perché ogni tweet di rabbia o frustrazione viene retwittato, commentato e linkato da tutti. Come un proiettile arriva nelle timeline di migliaia di utenti, lasciando a questi ultimi l’arduo compito di contestualizzare e interpretare il motivo di cotanta sbrocca. È il caso di Marta Vicenzi, sindaco di Genova, che dopo aver perso le primarie del Pd (febbraio 2012), si è sfogata su Twitter paragonandosi a Ipazia e attaccando con sarcasmo il proprio avversario.
E qui non stiamo più parlando di Massimo Boldi, ma di un politico con un mandato pubblico che se la sta prendendo con l’universo. Una cosa che, siamo sicuri, la Vincenzi non si sarebbe mai sognata di fare se fosse stata con un microfono in mano. O per lo meno non lo avrebbe fatto in questi termini.

– Non è necessario stare su Twitter. Né su ogni altro social media se non si hanno voglia, tempo e competenze per gestire in modo adeguato questa parte delicatissima della propria identità sociale. I Vip che arrivano su Twitter “perché è di moda” o spinti dal desiderio di comunicare (?) mettono seriamente a rischio la propria reputazione: quando un personaggio pubblico twitta di propria sponte senza avere idea di cosa stia facendo non c’è nessun filtro, nessuna possibilità di smentire, nessun “sono stato frainteso”. Una figuraccia è come un diamante: per sempre.

Lesson Learned: Vi mettereste mai in una piazza a insultare a gran voce i passanti? Non fate online cose che non non fareste nemmeno offline: la nostra presenza sui social media è una propaggine della nostra identità sociale e il Web è uno spazio pubblico, non uno sfogatoio personale. Se decidiamo di stare sul Web accettiamo anche che gli altri possano contestarci: e se pensi di non riuscire a gestire il “te stesso” online… semplicemente non lo fare.

Valentina Spotti

Valentina Spotti

Nasce nel 1984 e vede per la prima volta una pagina web sul finire degli anni Novanta: ci rimane male perché si immaginava chissà cosa. Poi vennero i blog, YouTube e i social network, e nel 2009 una tesi sulla costruzione della reputazione in Rete la porta alla laurea in Scienze della Comunicazione. Per un certo periodo si è occupata di Media Education in quel di Bruxelles, poi è tornata a Milano ed è diventata web editor.

8 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

8 Comments

  1. David

    08/04/2012 alle 12:13

    A me francamente pare che la reazione di Boldi non sia stata esagerata. Anzi. Sanfrà ha fatto un commento sciocco, volgare e inutile e Boldi gli ha dato della capra. Punto. Non mi pare tanto esagerato.

    Seguendo il tuo ragionamento (giusto) su Internet come spazio pubblico, se Gianfra avesse incontrato per strada Boldi dicendogli “fai film del cazzo” Boldi avrebbe dovuto tacere e subire? Direi di no. Anzi, a termini di legge siamo dalle parti dell’ingiuria. Rispondere a tono è un diritto di tutti, pure deelle persone conosciute.

    La reazione di molti utenti di Twitter, poi, ha veramente toccato il fondo. Ho letto messaggi di gente che si augurava la morte di Boldi.
    Francamente il livello dei messaggi ha (s)qualificati decisamente gli utenti che li hanno scritti.

    Non amo Boldi, ma in questo caso credo si sia dimostrato più signore lui di tutti gli utenti che lo hanno insultato

  2. Valentina Spotti

    Valentina Spotti (@ValentinaEsse)

    09/04/2012 alle 18:08

    @David: Se lo scambio di battute tra Boldi e Sanfra si fosse svolto per strada sarebbe stato lo stesso: Sanfra gli avrebbe detto “fai film del c…” e Boldi gli avrebbe dato della capra. Ma non penso che Sanfra sarebbe corso a vendere la storia all’Ansa. Il punto che voglio sostenere è questo: un vip che sta su Twitter si espone anche alle provocazioni dirette degli utenti, e se reagisce (bene o male) l’attenzione del pubblico è tutta per il vip, non per il provocatore.
    Poi sono d’accordo con te: l’intera vicenda è stata un rotolare giù dalla collina del cattivo gusto e alcuni dei tweet di #BoldiCapra erano decisamente fuori luogo. Boldi però ha fatto un po’ come la monaca di Monza: lo sventurato ha risposto alla provocazione di Sanfra. Non dico che non avrebbe dovuto tacere e subire ma magari non rispondere con un contro-insulto, quello sì. Secondo me l’Epic Fail di Boldi non è stato l’aver dato del caprone a uno, ma di aver mancato a una delle più classiche regole del Web: don’t feed the troll.
    Grazie del tuo commento! 🙂
    V.

  3. nessuno

    11/04/2012 alle 16:29

    Credo tu abbia centrato perfettamente il punto. Online e offline sono soltanto due schemi mentali e basterebbe applicare il buon senso per comunicare sufficientemente bene dal difendere la propria immagine se non migliorarla.

    Ultimamente seguo con grande godimento Fernando Alonso @alo_oficial. Ha aperto un account quando si è reso conto che i pettegolezzi sulla sua separazione stavano diventando troppi. Ora scrive cose semplici, posta qualche foto e sembra quasi stupirsi del successo che sta ottenendo. È uno sportivo che ha un garnde seguito ma usa Twitter come se non fosse un personaggio pubblico.

    In molti, dei personaggi che hai citato, avrebbero qualcosa da imparare.

    (ah della separazione dalla moglio non interessa più a nessuno)

  4. Pingback: Il Decalogo del VIP su Twitter. Secondo me | Pubblico Delirio

  5. Pingback: Il politico della Tasmania che non amava i Like | Tech Economy

  6. Pingback: @emanuelefiano e il dilemma dei retweet | Tech Economy

  7. Pingback: Gasparri, i signori Nessuno e gli eroi del giorno ai tempi di Twitter | Tech Economy

  8. Giannicola Bonora

    05/11/2012 alle 17:15

    Trovo assolutamente inaccettabile il commento di @Sanfra1407. Troverei giustificato tale commento al bar tra 4 amici, non certo su Twitter.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This