Market & Business

Google si propone come ponte tra Cina e Occidente

CINA

Il Presidente della divisione APAC di , Daniel Alegre, durante una  visita in Taiwan ha dichiarato che la società sta impiegando numerose risorse e sforzi nel mercato asiatico per creare opportunità di collegamento tra le imprese in e i potenziali clienti d’oltremare.

Anche a seguito della querelle con il governo cinese sulla censura dei risultati di ricerca, questione che è diventata un intricato nodo politico tra gli Stati Uniti e il dragone asiatico, e il trasferimento dei server della società dalla Cina ad Hong Kong nel 2010, a causa di un attacco hacker, Google “Non ha mai lasciato la Cina” secondo Alegre.

“Continuiamo ad avere centri operativi a Pechino , Shanghai e Guangzhou, abbiamo un fiorente centro di ingegneria, la nostra infrastruttura di vendita è qualcosa che continueremo a sviluppare, e le esportazioni, insieme alle opportunità offerte dal mercato dei display e quello della telefonia mobile all’interno del Paese stanno crescendo molto più velocemente di quanto avessimo mai previsto”.

E proprio Google spera di ricoprire l’importante ruolo di piattaforma di collegamento per creare un ponte diretto tra il grande numero di piccole e medie imprese in Cina ed i tanti clienti stranieri e multinazionali interessati alla loro produzione.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This