Letti da fuori

Scrivere per il SEO

SEO

Ottimizzazione. Già solo a sentirlo, il termine, è di quelli che fan venire l’orticaria. Ottimizzazione. Se avete un sito aziendale (persino uno personale) prima o poi la terribile mail dell’aspirante “ottimizzatore” vi arriverà. Un tizio che si presenta come un esperto di e comincia a spiegarvi che è in grado, grazie all’ottimizzazione – una procedura magica di cui lui è il sacerdote officiante – di posizionare in men che non si dica il vostro sito ai vertici delle ricerche di .

L’ottimizzazione, in realtà, è una procedura meccanica legata al fatto che i motori di ricerca, per quanto sofisticati, sono tendenzialmente stupidi. Non sono minimamente in grado di fare quello che un essere umano fa in automatico, cioè leggere un contesto. No, il motore di ricerca legge solo i caratteri, cioè le parole, nel migliore dei casi i mozzichi di frase. Quindi se a lui date da cercare una qualsiasi parola, sia essa “calza” o “automobile” vi sciorinerà immediatamente tutti i centinaia di migliaia di siti in cui questa parola si trova, senza altro filtro, a meno che voi non lo impostiate, che la presenza di queste parole nel sito stesso.

Chi scrive per internet deve conoscere l’esistenza dell’ottimizzazione, soprattutto se scrive per un sito aziendale. Perché è inutile creare una fantastica pagina sui nostri prodotti se poi però ci dimentichiamo di infilarci dentro proprio quelle parole chiave che gli utenti, soprattutto i più sprovveduti, useranno per trovarci. I problemi, e soprattutto le cadute nella comicità involontaria, avvengono quando il curatore del sito aziendale scrive solo con in testa le ferree leggi dell’ottimizzazione. Con il risultato di produrre post e comunicati che in realtà sono scritti in una lingua improbabile, e forse nemmeno umana, che sarà ottimizzata per Google, ma è incomprensibile a qualsiasi altro essere pensante.

Come sempre la virtù sta nel mezzo, dato che è importante che i nostri testi siano ottimizzati per favorire le ricerche tramite motore di ricerca, sì, ma è altrettanto importante, e forse di più, che quando vengono trovati l’utente sia in grado di capirli. Altrimenti puoi essere “ottimizzato” quanto vuoi, ma il cliente scappa.

In realtà le leggi dell’ottimizzazione non sono leggi del web, ma della buona vecchia retorica antica, quella disciplina che gli antichi Greci e Romani praticavano e che serviva a insegnare come scrivere efficaci testi comunicativi. La prima legge dell’ottimizzazione, infatti, non l’ha scritta un guru di internet ma Catone il Censore, politico romano conservatore così contrario all’adozione di novità a Roma ai tempi suoi che sospettava persino della cultura greca, e pertanto immaginate cose potrebbe pensare oggi di internet. Eppure questo avvocato Romano tutto d’un pezzo, nipote di porcai e giunto in Senato dalla sua tenuta in Ciociaria, aveva intuito una fondamentale regola quando si scrive un testo: tene rem, verba sequuntur. Che equivale a dire: “Tieni bene a mente quello che vuoi dire, il concetto, poi le parole ti vengono.”

Ecco, la prima legge, forse l’unica, dell’ottimizzazione anche per il web sta tutta qua: decidi cosa vuoi dire, tieni presente cosa vuoi spiegare, e stai tranquillo: le parole giuste, anche per farsi trovare da Google, poi ti vengono, perché siccome tu conosci la rem di cui parli, se la spieghi bene inserire le parole chiave che la descrivono bene ti verrà istintivo. Per cui, manager o imprenditore che devi scrivere un comunicato per il tuo sito, ricorda questo: l’importante è che il testo sia chiaro, corretto e spieghi in maniera semplice e diretta cosa fa la tua azienda o le qualità del tuo specifico prodotto.

Se lo hai scritto rispettando le vecchie regole di Catone, sarà automaticamente ottimizzato anche per Google e i suoi fratelli. Poi a trovarti con le parole chiave non ti preoccupare, ci penseranno loro.

È il loro mestiere, dopotutto.

Mariangela Vaglio

Insegnante, Blogger e Giornalista, Mariangela Vaglio è nota in rete come “Galatea”. Nel suo blog riflette su costumi, abitudini, vizi e virtù degli italiani in rete. Lo stesso fa per TechEconomy.

Facebook Twitter 

8 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

8 Comments

  1. Salvino

    28/03/2012 alle 12:44

    …. avrei un pò da ridire su questo articolo, ci sono parecchie cose errate, ma penso che sia tempo perso stare qui ad elencarle, perché quasi sicuramente questo post che che scrivo viene censurato e rimarrà non moderato.

    Ma la invito a riguardare con attenzione sia come funziona google che come come si esercita l’azione SEO. L’ottimizzazione è solo 3% .

  2. Daniele Vinci

    28/03/2012 alle 13:36

    Ciao Mariangela,

    ho postato il tuo articolo sulla pagina facebook di Comunikafood, https://www.facebook.com/comunikafood/posts/319434858120388?ref=notif&notif_t=share_comment

    … e più di esperto SEO vorrebbe approfondire la tua argomentazione ed integrarla per evitare di “banalizzare” il lavoro strutturale e strategico che un SEO deve fare per ottenere risultati dal suo lavoro.

    Il primo elemento è che non basta ottimizzare un contenuto per essere “visti” da Google …

    Se ti va la discussione su Comunikafood sta diventando interessante e mi piacerebbe un tuo commento a riguardo.

    Ciao

  3. catepol

    28/03/2012 alle 17:56

    concordo sullo scrivere chiaro, corretto, immediato senza pensare ai motori di ricerca…però non è proprio esattamente così il SEO @mariangela… è un po’ più complesso. Content is king, i contenuti di qualità vengono premiati da google…ma se rispettano qualche piccola regoletta SEO è (anche) meglio 🙂

  4. Massimo

    28/03/2012 alle 18:42

    Mariangela, sfondi una porta aperta. Ultimamente la SEO si è molto evoluta o, paradossalmente, involuta verso qualcosa di molto diverso da ciò che era stato fino a qualche anno fa.

    Qualche anno fa era, appunto, non era altro che una serie di “trucchetti” più o meno leciti per fregare l’algoritmo di Google.

    Se posso, allargo il tema di questo tuo articolo con le opinioni che ho scritto qui: “La SEO è morta…”, ecco il link: http://www.marketingsocialnetwork.it/2012/seo/la-seo-e-morta-viva-la-smo/

    Ciao!

  5. Pingback: 10 post in italiano su come scrivere bene online « WEBPERSIGNORE

  6. Irene

    02/12/2012 alle 10:17

    hmmm…concordo sul fatto che la Seo a volte è un po’ soravvalutata, ma dire che i motori siano stupidi…con tutto il lavoro che ci sta dietro…be’…questo mi pare un po’ scorretto.
    Sarà che ho dato da poco un esame di Information Retrieval System e, a me, i motori sono sembrati tutto tranne che stupidi. Il loro funzionamento è molto più complicato di quello che può sembrare.

  7. Irene

    02/12/2012 alle 10:19

    ah, bella la citazione su Catone però!! back to high school <3

  8. Pingback: Il web del click: la guerra dei poveri (di contenuti) | Paola Leo

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This