ICT & Telco

Rabit, un antifurto per proteggere le reti dai ladri di metalli

Furti Rame

Si prospettano tempi duri per i ladri di metalli. La British Telecommunications ha infatti messo a punto un sistema di sorveglianza sulla propria rete, il  (Rapid Assessment Incident Tracker), che permetterà alla compagnia di monitorarne il funzionamento. In caso di tentativi di furto dei cavi di rame, e quindi a fronte di un’interruzione del segnale, Rabit sarà in grado di localizzare istantaneamente il punto esatto in cui si è verificato il fatto, inviando prontamente le coordinate alla più vicina stazione di polizia per permettere agli agenti di cogliere in flagrante i malintenzionati.

La tecnologia Rabit si avvale infatti di un sistema di geolocalizzazione accurato, che riduce l’area in cui si manifesta un malfunzionamento nei flussi dell’infrastruttura sulla scala di pochi metri.

“L’implementazione del nuovo sistema di antifurto sulla rete  BT  farà riflettere i ladri di metalli un paio di volte prima di tentare un furto”, ha detto Brendan Dick, direttore di BT Scotland. “Siamo ora in grado di informare la polizia sulla posizione esatta degli attacchi intenzionali alla rete, che intervenendo tempestivamente potrà iniziare a prendere i ladri con le mani nel sacco”.

Una soluzione essenziale, visti gli ultimi dati sui furti di metalli, in particolare il rame, materiale che ha assunto a seguito delle recenti impennate nei prezzi, il titolo di “oro rosso”, ed è entrato nel mirino dei malviventi. Un progetto in grado di proteggere la propria rete, evitando dispendiosi costi ed irrealizzabili sistemi di videosorveglianza su tutto il tracciato, che aprirà la strada ad un nuovo approccio al problema della gestione e messa in sicurezza delle reti aziendali.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. alex

    07/06/2012 alle 16:06

    Ho 2/3 conoscenti dediti a questa attività(furto di rame)…non condivido affatto il loro atteggiamento,mio augurio che quanto prima vengano fermati.Fanno danni immensi ma loro nella ignoranza+completa,mirano ai 50€ x andare a fare….poi quando i treni si fermano in aperta campagna di notte,spero che dentro ci siano i loro cari…BASTARDI..che gli han messi al mondo

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This