ICT & Telco

Troppo SEO fa male, lo dicono da Google

SEO

Dal palco del SXSW, Matt Cutts di ha lanciato una dichiarazione importante, che se verrà confermata dalle azioni pratiche nei prossimi mesi da parte della società, rivoluzionerà in parte le strategie degli esperti di .

A Mountain View sarebbero infatti allo studio dei sistemi di penalizzazione all’interno del ranking di Google per i siti che negli ultimi mesi hanno attuato sistemi di ottimizzazione eccessiva per il motore di ricerca.

Lo scopo è quello di “livellare il campo di gioco,” come ha riportato Cutts nel suo intervento alla manifestazione, e tali sistemi di penalità verranno implementati molto probabilmente breve, in un arco di tempo che varia dalle poche settimane fino al prossimo mese.

L’obiettivo di Google sarà premiare i contenuti delle pagine piuttosto che gli artifici utilizzati dai più esperti conoscitori delle tecniche SEO, per ora sufficienti a spingere a galla i siti, anche a volte al di là della “sostanza” che ospitano.

Questo, l’audio del discorso di  Matt Cutts:

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Luca

    19/03/2012 alle 13:56

    A mio avviso questo non è un male! E’ giusto che siano premiati i siti con contenuti migliori e non quelli che usano le tecniche di SEO migliori.

    Poi, se conosci le migliori tecniche di SEO e hai anche un sito ricco di contenuti ben fatti ben venga.

    Meglio la qualità che la quantità.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This