App

Privacy: Apple non convince i rappresentanti del Congresso

Congress

Il parlamento americano non ha intenzione di accontentarsi di spiegazioni parziali sulla questione della nelle piattaforme mobili.

I due membri del Congresso che avevano scritto una lettera ad Apple richiedendo spiegazioni sulla duplicazione non autorizzata di address book e fotografie dai device, dopo aver ricevuto la risposta scritta dell’azienda, si dicono non soddisfatti e chiedono ulteriori chiarimenti.

Henry A. Waxman, democratico californiano, e G.K. Butterfield, democratico del Nord Carolina, replicano alla lettera di Timothy Cook, presidente esecutivo , scrivendo: “La risposta del 2 Marzo ricevuta da Apple non risponde a numerose questioni che avevamo sollevato sugli sforzi della compagnia per proteggere la privacy e la sicurezza dei suoi utenti di device mobili.”

I due rappresentanti chiedono questa volta che la compagnia non risponda per iscritto, ma si renda piuttosto disponibile ad un incontro sul tema.

Apple al momento non ha rilasciato commenti sulla nuova missiva ma la società dovrà trovar modo di rispondere pienamente alle richieste del Congresso, se vuole evitare interventi ufficiali.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This