ICT & Telco

Senzatetto che vendono connettività Wi-Fi?

Homeless-Hotspots

Un’ agenzia di marketing si è inventata una originale iniziativa “caritatevole”. Le tecnologie possono essere utilizzate per i più diversi scopi e nei più disparati modi e così la Bartle Bogle Hegarty ha pensato di equipaggiare i senzatetto metropolitani con dispositivi .

L’idea è di creare una forma di guadagno per chi vive per strada che rivenderebbe la connessione trasformandosi in Homeless Hotspots.

L’iniziativa, presentata al South by Southwest Festival, è ancora in fase sperimentale. Pare che i senzatetto dovrebbero indossare una maglietta con scritto ‘I am a 4G hotspot” per attirare l’attenzione dei passanti, che potrebbero acquistare la connessione pagando in cartamoneta o tramite PayPal. La donazione consigliata è di 2 dollari per quindici minuti ma sarà libera e andrà interamente ai senzatetto.

BBH Labs sostiene che questa tipologia di servizio potrebbe in futuro prendere il posto della tradizionale vendita dei giornali effettuata dai senzatetto. “Crediamo che offrire un servizio digitale farà guadagnare a questi individui più denaro che un prodotto stampato.”

L’iniziativa ha, naturalmente, attirato molto attenzione e suscitato forti polemiche.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This