Focus

Mia cara eBay, amante infedele

Mia cara eBay, amante infedele.techeconomy

Mia cara ,

sembra ieri quando ci conoscemmo. Tu ancora giovane e sbarazzina, che a testa alta col tuo tailleur cercavi relazioni serie, stanca delle solite “bottarelle e via” dei furboni che ti usavano al solo scopo di un’eccitazione momentanea, e io che timidamente ti osservavo da lontano chiedendomi se mai potessi accorgerti di me.

Quei tuoi colori solari, quella tua forma disordinatamente accattivante, e quel tuo linguaggio nuovo, bello, che col tempo mi ha arricchito a tal punto da farlo mio.
Pensavo e ripensavo a come attrarti. Prima ti offrii dolci che hai fatto assaggiare un po a tutti i tuoi amici sparsi per l’Italia, volevo prenderti per la gola. Poi ricordo che un giorno ebbi un’occasione da un amico, e ti portai uno di quei pupazzi giganti di Winnie the Pooh, da vetrina, che ora è in bella mostra in un Hotel Parigino. Arrivai a fare quelle sciocchezze da adolescente innamorato, per te.
Ma sentivo che non bastava, mi trattavi come uno dei tanti, ci sbattevo la testa, e pensavo a cosa poterti offrire, di buono, bello e duraturo. E una notte, osservandoti nei dettagli, forse capii che quello che più ti sarebbe piaciuto, sarebbe stata la cosa più semplice che avevo. Un caffè. Oh, quanti caffè ti ho offerto da quel lontano duemilasei ad oggi.

Tutto nacque dal primo, messo lì con una classica musichetta di sottofondo e De Filippo che te lo presentava dal suo balconcino, il classico espresso napoletano. Forse da lì capisti che facevo sul serio, che non ero uno dei tanti. Ricordo che cominciasti a parlarmi di feedback. Studiammo insieme il modo in cui diventare più belli. E io lì a vantarmi dei complimenti che i tuoi amici rivolgevano ai miei caffè e a come stavo riuscendo a rapire il tuo cuore.
Fu un amore folle. Per te non dormivo la notte. Seguivo ogni tuo passo, e diventai gelosissimo. Studiai i movimenti di tutti quei tuoi corteggiatori improvvisati, e anche di quelli che già da tempo ci provavano seriamente come me. Alla fine ci riuscii. Perchè gli altri non avevano quello che avevo io. Io solo ero l’originale.

Cominciai ad entrare nelle tue grazie. Dopo mesi di presentazioni e costanti ammiccamenti, mi rendesti felice inserendomi in quella categoria dove erano i corteggiatori migliori che ti piaceva chiamare “power seller”. Ed io lì contento che mi dicevo: vuoi vedere che anche lei si sta innamorando di me? E comunque non bastava. Sentivo che ti dividevo ancora con gli altri.
Andammo avanti per mesi, ed eri sempre più contenta di me, delle mie prestazioni. Una sera di quel lontano dicembre mi sussurrasti all’orecchio, “TI AMO”. Il giorno seguente mi ritrovai lì in prima pagina, dicevi a tutti che ero il migliore. Ti vantavi con tutti, “eccolo, eccolo, Il migliore venditore della piattaforma”. In un primo momento, era come se stessi toccando il cielo con un dito. C’ero riuscito. Umilmente, io, piccolo piccolo, ero arrivato a scalare il tuo cuore fino a farti innamorare. Oh, quanto siamo stati felici insieme. Cominciai così a credere sempre più in me, in quello che potevo offrire. Non ho mai pensato neanche per un momento a farmi l’amante. Eppure se ne sono presentate, pronte ad accogliere tutti i miei caffè. Piattaforme di ogni tipo, anche le tue gemelle francesi, inglesi e tedesche. E invece no. Io ti sono sempre stato fedele. Eravamo sempre più soddisfatti del nostro legame. Ci arricchivamo di noi.

Poi, ad un certo punto qualcosa è cambiato. Pensai “eccola, la crisi del settimo anno”, invece era solo il quinto. Tutto andava bene, quando ad un certo punto iniziasti a sparare paroloni nuovi: pretendesti che anche io dovevo conoscere questo sistema della “rilevanza”, e io lì, che mi fidavo di te, la studiai a tal punto che me la feci amica, e poi alleata, la rilevanza. In poco tempo anche lei fu parte di me. Diventai il caffè più rilevante per te. E tu anche lì eri stracontenta. Solo che per me cominciò a cambiare qualcosa. Aprii gli occhi. Cominciai a pensare che il tuo era un amore non disinteressato.

Tu non mi offrivi ai tuoi fans, tu mi vendevi. Su ogni complimento, su ogni feedback, tu ci lucravi. E più è cresciuto il nostro amore, più ci hai guadagnato. Mi arrabbiai per questo. E poi il nostro rapporto cominciava ad essere ossessivo. Io e e te, te e io, e quindi mi allontanai un po’ per pensare. Iniziavo a concentrarmi su di me. Mi dissi, ora me la creo io a mio piacimento una piattaforma con cui farci l’amore senza che pretenda nulla in cambio. La chiamai come il mio caffè: caffecarbonellishop. Con lei si erano invertiti i ruoli. Io ero tutto impettito, e lei timida, che pian piano in due anni è cresciuta, portando sempre nuovi amici ad apprezzare il mio caffè. Io per lei sono sempre stato l’unico. Mentre tu mi hai sempre fatto pensare che te la facevi un po’ con tutti.
In quest’ultimo anno poi? Ah, che delusione.

Veramente forse abbiamo bisogno di una pausa di riflessione, mia cara eBay. Non mi chiami più “amore”, io che cerco di ricostruire un rapporto portandoti sempre più caffè, riempiendo me e te di feedback per mostrarmi sempre più bello ai tuoi occhi. E tu? Tu che porti altre novità. Ora per te non esiste più la categoria dei “power seller” dove io mi sentivo come un supereroe dei cartoni animati. NO! Ora ci dobbiamo adeguare all’europa anche noi. E allora io e tutti quelli come me (e qui ho capito che devo prendere in mano la situazione), devono stare alle nuove regole. Superare ogni mese un test per entrare nella nuova macrocategoria dei corteggiatori “Affidabilità TOP”. E anche qui mi sono adeguato. Ho detto ok, vuoi questo? E ti darò questo! Te l’ho dato per due mesi. Due mesi di stress, di lavoro costante. Preciso, puntuale. Perfetto!

E poi? Poi quando arrivano difficoltà che non dipendono da me, quando i miei collaboratori, si, proprio loro che hanno sempre svolto il loro dovere, quando loro hanno qualche problema, qualche ritardo, non ti portano il caffè nei tempi giusti a causa della crisi che tu conosci bene, perchè non vuoi dirlo, ma anche tu ti stai fottendo dalla paura, è questa la verità di tutti questi tuoi cambiamenti, beh che fai? Quando io con loro abbiamo bisogno di un po’ di comprensione. Tu che fai? Ci sbatti le porte in faccia come se fossimo uno di quelli da una botta e via? E ci fai fuori dal tuo nuovo capriccio “affidabilità top”?

Settemilacinquecento feedback di amici che in questi anni sono stati contenti di noi, e tu dai credito a sei, dico sei impazienti ed uno scellerato? Che ho anche il dubbio che stia giocando sporco solo per portarti via da me?
Rifletti mia cara, rifletti. Io mi prenderò una pausa di riflessione lunga non so quanto in cui mi limiterò ad usarti, come tu fai con me.

Rifletti anche tu, e se capirai, allora sarà tutto ancor più bello di prima.
Io intanto offro il mio caffè al mondo anche senza di te.

Volete sapere perchè sono tanto arrabbiato? Ve lo dirò domani.

Luca Carbonelli

Luca Carbonelli

Luca Carbonelli si occupa di sales e marketing per la azienda di famiglia, la Torrefazione Caffè Carbonelli s.a.s. La case history della sua azienda parte quando comincia a vendere il proprio prodotto sulla piattaforma ebay.it, dove, dopo poco viene inserito tra i migliori venditori della piattaforma nella categoria dedicata alle PMI. Successivamente crea www.caffecarbonellishop.com

7 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

7 Comments

  1. Antonio

    22/02/2012 alle 15:55

    Da un anno circa tentenno. Ebay o non Ebay, questo è il dilemma. Con questo tuo articolo molto interessante, penso si capisca benissimo che è meglio investire tempo e risorse nel proprio negozio. Ebay può darti tanto, ma può togliertelo in ogni momento.

    Grazie della condivisione.

  2. Luca Carbonelli

    22/02/2012 alle 16:53

    Salve Antonio. Ti ringrazio per l’apprezzamento. Ebay resta un canale che, se usato bene e con professionalità, diventa un vero e proprio trampolino di lancio per un prodotto valido. Forse più che noi produttori/venditori, ora le domande è necessario che cominci a porsele ebay, su quanto è disposta a tutelare anche chi lavora professionalmente e riempie le sue pagine di contenuti di qualità, erogando commissioni comunque alte in un periodo di crisi economica generale.

  3. Marcello

    23/02/2012 alle 09:42

    Toccante!
    Forse commuovente per chi come me conosce ebay abbastanza profondamente.
    Il vero problema mio caro Amico è che noi utenti ci sentiamo così profondamente legati ad ebay da non riuscire a capire che nonostante i premi, i successi, le assistenze telefoniche personalizzate siamo solo dei pupazzi con il quale lei cresce sempre più.. Ci piace definirci Ebayer, ci piace investire denaro e tempo su questa piattaforma, ci piacciono le nottate a studiare nuove regole e tecniche di marketing, ma troppo spesso dimentichiamo che la nostra amata è e sarà per sempre una volgare amante pronta ad accogliere tra le sue gambe il più stupido dei venditori e nel tuo caso il più “basso” dei rivenditori di caffé. Sono però proprio questi la forza di Ebay.. la concorrenza non è solo una questione aziendale, io la vedo più come una questione di territorio, ci sentiamo incazzati quando qualcuno invade i nostri spazi, ruba le nostre idee e corteggia le nostre “donne”.. È questa la forza di ebay.. si farà sempre corteggiare da qualcuno, si farà amare dai migliori, la darà a caro prezzo sempre a tutti e mi spiace dirlo non morirà mai sola. Ed allora perché dargliela vinta? Perché non dimostrarle che i migliori siamo davvero noi? Perchè non farle capire che un venditore power seller non si acquista con un semplice “compralo subito”?

  4. Luca Carbonelli

    23/02/2012 alle 11:23

    Caro amico mio, non si tratta di essere delusi, ma poco protetti e tutelati. la concorrenza in un mercato libero è qualcosa di stimolante. quindi non concordo sul fatto che ci sentiamo “rubati dei nostri spazi”, siamo un popolo di migranti, non dimentichiamolo. se le sue gambe sono aperte è giusto che ognuno ne approfitti a suo piacimento. ciò che non è giusto è che lei non faccia distinzione tra i membri che accoglie. il mio rammarico non è concentrato sulla sua disponibilità ai venditori, piccoli o grandi che siano. ma sulla totale protezione dell’acquirente a discapito del venditore.

  5. Pingback: Mia cara eBay, ti spiego perchè mi sento tradito | Tech Economy

  6. Daniela Pinton

    28/02/2012 alle 09:31

    Caro Luca..mi riconosco tantissimo in questa tua lettera, ogni virgola..e purtroppo noi vivevamo solo ed esclusivamente di ebay, questa è la nostra storia, raccontata da un giornalista..ma la tua lettera al di là del crac economico in cui ci hanno gettato..descrive i sentimenti, forse stupidi ma sinceri, che avevamo per ebay..contattami su fb, ti vorrei far entrare in un gruppo creato per noi..forse inutile..ma buono per terapia 😀

    http://www.tomshw.it/cont/news/dura-lex-ebay-miete-anche-venditori-con-feedback-positivi/35749/1.html

  7. Luca Carbonelli

    03/03/2012 alle 18:39

    perdonami Daniela, ho letto solo ora il tuo commento. la storia è triste, ma un pò diversa. Nel caso dei negozi ebay citati, effettivamente vi erano delle responsabilità da parte dei venditori. sicuramente le conseguenze sono state eccessive, e sono discutibili.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This