News

I segreti della Foxconn svelati da un’esclusiva di ABC

foxconn

La , tristemente nota come la “fabbrica dei suicidi” dopo che 18 lavoratori si sono tolti la vita negli ultimi anni, e scenario di numerosi incidenti ed infortuni sul posto di lavoro, ha aperto in esclusiva i suoi cancelli alla ABC, nel tentativo di dimostrare i cambiamenti effettuati ed i miglioramenti delle condizioni in cui operano i suoi dipendenti.

Il servizio, andato in onda questa notte in America, da oggi è  disponibile in streaming sul sito dell’emittente.

Quello che emerge dal reportage di Bill Weir, è il ritratto di un’azienda che, sebbene mantenga standard di pulizia degli ambienti e tecnologie all’avanguardia rispetto ad altre industrie cinesi, rimane un luogo dove il lato umano del lavoro sembra scomparire tra le interminabili catene di montaggio e la prigione di reti anti-suicidio installate tutt’intorno al perimetro dell’edificio, a monito di tragedie ormai passate, che non possono più verificarsi, ma non per un cambiamento negli stati d’animo, bensì per un’impossibilità esclusivamente pratica.

Le file interminabili alla mensa, i nastri infiniti su cui scorrono inesorabili i componenti, i dormitori stracolmi e dipendenti sfiniti che dormono seduti, con la testa appoggiata agli imballaggi, danno il quadro di uno standard di lavoro molto organizzato ma fortemente alienante, dove i dipendenti compiono a mano quasi tutti i processi, dall’assemblaggio delle componenti più piccole all’applicazione finale di pellicole ed imballi. L’automatizzazione è veramente marginale alla Foxconn, anche se vedendo la perfezione dei dispositivi che ne escono sembrerebbe tutto frutto di lavoro robotizzato.

Ma quel che conta è notare l’avvio di un cambiamento nella mentalità dei vertici della colossale ditta cinese, che produce principalmente i prodotti con il marchio della Mela, ma anche componenti per altre aziende informatiche. Finalmente, e si possono vedere al lavoro nel reportage, gli ispettori  della FLA sono scesi in campo per analizzare la situazione e proporre  ad Apple i miglioramenti da adottare.

Per la prima volta le porte della Foxconn, oltre ad esserlo per la rete televisiva americana, sono state aperte al mondo e all’idea di un concreto miglioramento per i suoi dipendenti, diffondendo una ventata di progresso e di diritti che mancava da troppo tempo, e rendeva imperfetto, sotto il punto di vista umano, anche il più impeccabile dei prodotti .

Questo un video riassuntivo dell’intero reportage, per ora disponibile in streaming sul sito della ABC ai soli utenti Americani:


3 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

3 Comments

  1. Pingback: Apple: 514mila posti di lavoro negli Stati Uniti | Tech Economy

  2. Pingback: L'iPhone padroneggia nel mondo ma non decolla in Cina | Tech Economy

  3. Pingback: Foxconn assume manager per la sicurezza e lo stile di vita | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This