Device

Cresce il consumo di video digitali su dispositivi mobili e Smart TV

video

Il consumo di digitali su device diversi dal desktop è in forte aumento. Tre trend si confermano e consolidano maggiormente: la visualizzazione di su tablet, la predominanza del social network per la condivisione di questo tipo di contenuti e la crescita del tempo di visione.

Ooyala, società che offre soluzioni  software di visualizzazione video a diversi videosite per un totale di 100 milioni di visitatori unici mensili, analizza i trend di mercato registrati tra la sua clientela in un rapporto sugli ultimi mesi del 2011.

I video visualizzati su , mobile device e TV Internet-enabled sono più che raddoppiati nel trimestre. In particolare la fruizione di video sui tablet cresce al ritmo impressionante del +528% in un anno mentre minore, ma in ogni caso straordinaria., è la crescita del consumo di audiovisivo su abilitate alla connessione o connesse tramite console (+384%) e (+376%). Ooyala si aspetta un trend  simile anche per l’anno in corso.

Apple ed Android hanno entrambi tassi di crescita del consumo di video su smartphone molto forti, ma quello dell’iPhone è superiore.

L’online video sta raggiungendo, secondo Ooyala, la piena maturità e non può essere più considerato una nicchia di mercato. Sempre più persone si abbonano a servizi come Netflix per consumare contenuti più lunghi, e di maggiore qualità, sugli schermi più grandi dei televisori digitali e, contemporaneamente, contenuti audiovisivi di diverso genere ma la cui lunghezza è in ogni caso in aumento, sui propri tablet. La maggiore maturità del settore è dimostrata dal deciso incremento del tempo di visione e dell’engagement verso i contenuti.

Il tempo di visione su tablet è quello che si allunga di più e cresce in tutte le tipologie di device che vengono utilizzati per scopi e in modi differenti. I contenuti più lunghi vengono visualizzati sugli schermi tv connessi che ottengono anche la percentuale maggiore di visualizzazioni complete dei contenuti (47%). I possessori di tablet completano la visione di un contenuto video non altrettanto spesso, ma in ogni caso una buona parte delle volte (38%).

Tra le offerte di contenuti video si riscontra un’ottima crescita della diffusione della Google TV. Il progetto del gigante della ricerca che sembrava stentasse a decollare, registra un aumento delle visualizzazione di video nei tre mesi in esame pari al 91%.

La terza tendenza centrale nell’evoluzione dell’ecosistema del video online è la conferma della primaria importanza che Facebook riveste tra i social media per condivisioni e numero di visualizzazioni generate. Gli utenti del social network condividono 10 volte la quantità di video postati sulla piattaforma di microblogging Twitter.

Il consumo di video sempre più si conferma come  un’attività multiforme che predilige contenuti diversi a seconda dei device di visualizzazione, del contesto e del momento della giornata in cui viene realizzato. La centralità dello schermo televisivo in parte viene soppianta da un panorama più ricco e competitivo ma in parte viene riaffermata soprattutto quando si parla di video più lunghi e di fattura professionale. I tablet sembrano sempre più spesso diventare l’equivalente del televisore personale da camera da letto senza smettere di essere i device per eccellenza che portano l’audiovisivo nei contesti mobili.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This