Market & Business

Apple batte Google, è la compagnia con la migliore reputazione

AG

Apple è la compagnia con la reputazione migliore. La società di Cupertino, battendo Google che aveva conquistato la prima piazza l’anno precedente, si classifica prima nell’indice stilato annualmente da Harris Interactive, Reputation Quotient, inerente la reputazione sociale dei brand maggiormente in vista.

ottiene il punteggio più alto (85.62%) mai raggiunto ed è in costante crescita dal 2000 (62.1%). In un anno ha recuperato tre posizioni, balzando dalla quarta alla prima.

L’indice è stato realizzato a partire da 17,555 interviste focalizzate su venti attributi che influenzano il comportamenti dei consumatori e i sentimenti associati ai brand. I 20 attributi vengono, poi, riuniti in sei dimensioni chiave: responsabilità sociale, fascino emotivo, prodotti e servizi, ambiente di lavoro, performance finanziaria, visione e leadership.

Apple domina in 4 delle dimensioni, mentre si classifica seconda per responsabilità sociale e quarta per fascino emotivo.

Le compagnie tecnologiche e legate ad internet sono in generale fortemente presenti nella classifica (10 su 60) e, secondo lo studio, continueranno a migliorare la propria reputazione nei prossimi anni. Per la maggioranza degli americani (53%), inoltre, favoriscono la ripresa economica.

perde una posizione in classifica e la sua reputazione risulta peggiore rispetto all’anno precedente (82.82% vs 84.05%). Amazon, al contrario, scala la classifica passando dalla ottava alla quarta posizione e registra il punteggio massimo per quanto riguarda l’emotional appeal, grazie alla percezione da parte dei consumatori di trasparenza ed alti standard etici. Netflix entra per la prima volta tra le compagnie maggiormente conosciute, in quarantaduesima posizione.

Facebook non viene citato dagli americani intervistati tra le compagnia più visibili. Robert Fronk, vicepresidente di Harris Interactive, spiega che “non hanno, al momento, connessione con i consumatori. Sono (considerati) un tool funzionale usato per realizzare qualcos’altro. Sono privi di emotional appeal. Sono forti in performance finanziaria, ma deboli nelle aree che sono alla base di una più solida reputazione.” Una parte del problema risiede nelle preoccupazioni e negli errori commessi relativamente alla tematica della privacy. Più del 25% degli intervistati non si fida della compagnia.

I risultati delle compagnie della new economy sono, in ogni caso, ancor più straordinari se si considera il declino della fiducia generale verso le corporation. La new economy sempre più conquista i cuori degli americani, dopo aver scalato i mercati.

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This