ICT & Telco

MegaDomino Effect, chiusura “spontanea” di BT Junkie

MegaDomino Effect, chiusura “spontanea” di BT Junkie.techeconomy

Ha avuto inaspettate ripercussioni la scia sismica del recente “terremoto”che si è abbattuto sui maggiori siti di file sharing, con il suo culmine mediatico ed epicentro ad Auckland (Nuova Zelanda), dove il 19 Gennaio è stato eseguito l’arresto da parte dell’FBI di Kim Schmitz, fondatore di MegaUpload, con la conseguente chiusura del sito insieme a numerosi altri domini che ruotavano intorno ad esso.

Infatti un altro grande player del settore ha abbandonato la battaglia (molto redditizia) per la libera condivisione online. Ma questa volta spontaneamente.
Seppur censurato nelle ricerche su Google e contrastato dai principali provider, non risultava coinvolto in alcuna azione legale, pur essendo uno dei principali motori di ricerca per i file P2P.

Sorprendendo tutti ha deciso autonomamente di terminare il suo servizio, chiudendo il proprio sito ed avvisando gli utenti tramite un breve comunicato sulla propria homepage, con il quale, rammaricato, si congeda dal Web con il seguente messaggio:

This is the end of the line my friends. The decision does not come easy, but we’ve decided to voluntarily shut down. We’ve been fighting for years for your right to communicate, but it’s time to move on. It’s been an experience of a lifetime, we wish you all the best!”

La prudente scelta del fondatore del “Largest BitTorrent Search Engine” sembra obbligata, visti gli sviluppi delle azioni legali portate avanti con forza dalle autorità statunitensi, seppur ha dichiarato a TorrentFreak, salutando i suoi utenti, che la partita per il diritto alla libera condivisione è ancora lontana dall’essere chiusa.

Un’altro passo avanti per i sostenitori del duro e puro? Al tempo e alla rete l’ardua sentenza. Intanto il popolo del Web non si arrende, e tra annunci di riaperture dei siti oscurati ed attacchi informatici a governi, industrie discografiche e case di produzione, i difensori della libertà online preparano la controffensiva.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: Crescono in Europa proteste contro i trattati antipirateria | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This